Steyr: 75 anni di leadership tecnologica

0
227

Steyr festeggia 75 anni di attività: dalla produzione del suo primo trattore nel 1947 ad oggi, Steyr è diventato il marchio emblema della qualità made in Austria.

Il primo trattore Steyr, il modello 180 dalla livrea verde, è stato prodotto nel 1947. Nel 1966 Steyr ha adottato i caratteristici colori bianco e rosso che ancora oggi sono un segno distintivo dei trattori Steyr. Negli anni ’70 le attività di assemblaggio e di vendita dei trattori sono state trasferite dalla città di Steyr a St. Valentin e nel 1996 Case ha acquisito la divisione agricola di Steyr.

Il 1999 vede la presentazione dei primi trattori Steyr con trasmissione a variazione continua CVT e da allora Steyr ha contribuito a plasmare questa particolare tipologia di trasmissioni. Nel febbraio 2005 è stato prodotto il trattore Steyr numero 500.000. Oggi lo stabilimento di St Valentin è la sede europea di Case IH e Steyr: con oltre 600 dipendenti è una delle maggiori aziende della regione ed i trattori Steyr, dall’elegante livrea bianco-rossa e dai contenuti tecnologici superiori, sono oggi venduti in 20 paesi europei.

Con la presentazione ad Agritechnica 2019 dello Steyr Konzept, Steyr ha ribadito la sua posizione di innovatore tecnologico. Steyr Konzept combina tecnologie innovative rispettose dell’ambiente e al contempo efficienti e funzionali: mostra quale potrebbe essere la futura evoluzione dei trattori. Il cuore di Steyr Konzept è costituito da un propulsore ibrido elettrico modulare, composto da un motore a combustione interna, un generatore e diversi motori elettrici controllabili individualmente in modo che la potenza venga fornita dove serve.

Nel 2022 è stata presentato l’Hybrid Drivetrain Konzept: un ulteriore passo in avanti nel percorso di sviluppo dei sistemi di trasmissione. Un punto focale della ricerca ha riguardato i sistemi di trasmissione elettrici dotati del potenziale per alimentare un trattore leggero e ad alta potenza, offrendo un risparmio medio in termini di consumo di carburante anche dell’8%. La tecnologia dei supercondensatori consente di aumentare la potenza quando c’è una maggiore richiesta, garantendo un’accelerazione più rapida anche del 25%. Durante il lavoro in campo con attrezzi, questo accorgimento aiuta a gestire i picchi di carico nelle applicazioni a sforzo di traino elevato, e ha consentito di mettere a punto il torque vectoring dei differenziali, riducendo il raggio di sterzata. Inoltre è possibile trasferire la potenza agli attrezzi, mediante le prese ad alta tensione anteriori e posteriori.

“Il primo Type 180 e l’attuale trattore di punta Steyr Terrus CVT sono ovviamente molto distanti tra loro come tecnologia, ma hanno un filo comune che li lega cioè la qualità costruttiva”, afferma Hannes Wogerbauer, responsabile dello stabilimento di trattori Steyr di St Valentin.

“Buona parte degli addetti dello stabilimento provengono dal mondo agricolo, per cui capiscono bene cosa si aspettano i clienti dai loro trattori Steyr. È per questo che siamo orgogliosi del motto “Quality made in Austria” ed è il motivo per cui il marchio Steyr vanta un alto livello di fidelizzazione della clientela.”

“L’innovazione è da tempo una delle ragioni per cui i trattori Steyr vengono scelti da chi cerca funzionalità che aiutino a lavorare meglio” suggerisce Christian Huber, CNH Industrial Vice President Global Tractor Product Management.

“Il 180 era leggero, maneggevole e potente, una combinazione che in precedenza non sempre era stata possibile in un trattore. Oggi, i nostri progetti mantengono queste caratteristiche ma, ovviamente, incorporano numerose altre innovazioni, come il nostro sistema di frenatura del rimorchio brevettato S-Brake.

“Ecco perché diciamo di essere il partner su cui fare affidamento, perché forniamo prodotti supportati da un’assistenza clienti efficiente, soluzioni ingegnose e collaboratori qualificati. I trattori Steyr hanno una meritata reputazione di qualità, in gran parte dovuta proprio all’impegno e alla maestria di questi collaboratori, e alla passione con cui costruiscono i trattori Steyr, tanto forte oggi come quando abbiamo iniziato. Dietro di noi ci sono 75 anni di storia, a cui ne seguiranno molti altri, nel corso dei quali forniremo ai settori agricolo, municipale e forestale trattori di altissima qualità”.

A cura di Pier Luigi Scevola