Il Video: New Holland T8 SmartTrax al lavoro

0
1347

È possibile sostituire due trattori cingolati di potenza media con un trattore semicingolato? Fattibile, con il New Holland T8 SmartTrax, grazie a efficienza e polivalenza.

A cura di Costantino Radis

Una location di eccezione. Siamo nelle Marche, a due passi da Urbino, in un’azienda che punta al biologico e a una forte presenza delle lavorazioni meccaniche. Colline a volte dolci, a volte ripide, in cui il terreno è compatto, duro e difficile. Ma anche generoso e gentile. Ed è qui che il New Holland T8 SmartTrax ha risolto le problematiche applicative della Tenuta Santi Giacomo e Filippo: necessità di operare su terreni con forti pendenze per svolgere arature profonde richieste dal protocollo biologico aziendale. Non solo. La doppia esigenza di spostarsi su strada in modo rapido fra gli appezzamenti che, in alcuni casi, distano alcuni chilometri fra loro. Compiti svolti con efficienza grazie alla elevata tenuta sulla pendenza, alla semplicità di sterzata, all’equilibrio nel bilanciamento ottenuto con il passo lungo, al comfort delle sospensioni, alla trasmissione Auto Command CVT a variazione continua e, soprattutto, alla cingolatura posteriore in gomma. Un concentrato di tecnologie che sfrutta il motore FPT Cursor 9 con tecnologia ECOBlue HI-eSCR che eroga 435 CV di potenza massima in questa versione. Lo abbiamo analizzato e testato nelle condizioni di lavoro classiche che si trovano in una gran parte del territorio nazionale: un’aratura profonda su un pendio dalle pendenze variabili e, in alcuni casi, decisamente accentuate. Una condizione di lavoro in cui un trattore gommato, anche di alta potenza, non riesce a operare con i necessari margini di sicurezza e di produttività. Tanto che nella Tenuta Santi Giacomo e Filippo il nuovo T8 SmartTrax è andato a sostituire due trattori con cingolatura in acciaio che venivano normalmente usati in questo contesto operativo. Un incremento di efficienza che ha portato una consistente riduzione dei consumi complessivi per ettaro grazie a un aumento sostanziale della produttività. Con un comfort per l’operatore non comparabile con il passato.

Leggi il Banco di Prova sul numero di febbraio di Macchine Agricole

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here