Nuovi Kubota M6001: efficienza e funzionalità

0
492

I nuovi trattori Kubota M6001 Utility, successori della serie MGX, si contraddistinguono per la loro maneggevolezza ed il loro design elegante, pratico e moderno. Sono particolarmente indicati per le aziende agricole con allevamenti, per la lavorazione dei terreni e per le diverse attività di manutenzione richieste dalle municipalità.  Con l’introduzione della nuova gamma M6001, Kubota completa l’offerta di trattori polivalenti, in sinergia all’attuale serie M6002, con nuovi trattori molto agili e compatti, idealmente concepiti per ogni attività agricola e di allevamento.

Disponibili con potenze da 102 CV a 141 CV e due differenti tipologie di telaio, i nuovi M6001 Utility offrono stabilità, comfort, maneggevolezza ed efficienza. Grazie ai nuovi motori Kubota Stage V, un 4 cilindri di 3,8 litri abbinato alla versione con passo più corto e un 4 cilindri da 6,1 litri dedicato alla versione con passo più lungo, i trattori della nuova gamma M6001 Utility possono essere impiegati in qualsiasi tipo di  terreno, azienda e per qualunque lavoro.

Infatti, sia la versione a passo corto che quella a passo lungo offrono un’eccellente combinazione di manovrabilità/stabilità e sono disponibili con sospensioni sull’asse anteriore per un comfort ideale. Tra l’altro, l’inversore elettroidraulico combinato con la trasmissione a 8 marce powershift offre la massima produttività e comfort di utilizzo durante il trasporto e le operazioni con il caricatore  frontale.

 

Dotati di comandi posizionati ergonomicamente, di cabine molto confortevoli con un tettuccio di serie ad alta visibilità, nonché di una grande capacità di sollevamento, fino a 6100 kg, azionabile direttamente dal bracciolo, i trattori della nuova gasmma M6001 Utility sono altamente performanti  comodi, sicuri e rappresentano una scelta ottimale per qualsiasi agricoltore o allevatore.

La nuova gamma di trattori polivalenti Kubota M6001 sarà disponibile in Europa a partire dal secondo trimestre del 2022.

A cura di Pier Luigi Scevola