Argo Tractors: i risultati del 2011

0
1269

È stato presentato il bilancio di esercizio 2011 di Argo Tractors: il trend è in continua crescita.
Argo Tractors, con sede a Fabbrico, in provincia di Reggio Emilia, è società di riferimento a livello mondiale nel settore delle trattrici agricole, con marchi Landini, McCormick e Valpadana. I risultati, in termini economici, sono stati, in poco più di 10 anni, molto positivi e qui di seguito sono riportati i numeri del bilancio, consolidato al 31 dicembre 2011, approvato dall’Assemblea dei soci, sotto la Presidenza di Valerio Morra. Il dato significativo è l’evidente crescita rispetto all’esercizio precedente: il risultato del 2011 è pari a 8,4 milioni di euro.
Le trattrici vendute nel 2011 registrano un aumento del 18%, i ricavi in crescita del 16% si sono attestati nel 2011 a 479,1 milioni di Euro. La Società ha messo in opera azioni volte alla riduzione dei costi di struttura e del capitale circolante che hanno generato un significativo miglioramento del break-even aziendale e la conseguenza si registra nel miglioramento della redditività.
L’EBITDA, in forte crescita, si assesta a 39,7 milioni di euro, contro i 26 milioni nel 2010, così come l’EBIT a 26,5 milioni di Euro, contro i 13,1 nel 2010.
Il Presidente Valerio Morra commenta così il bilancio: “I risultati del 2011 confermano la capacità della nostra Società di generare valore con crescita a due cifre sia in fatturato che in redditività, le azioni rivolte al contenimento dei costi di struttura e alla riduzione del capitale circolante hanno generato un miglioramento della marginalità nonostante la forte pressione competitiva sul prezzo da parte dei concorrenti di riferimento. Le prospettive per il 2012 sono positive pur in uno scenario economico complesso ad elevata variabilità. I significativi investimenti in nuovi prodotti, il maggior presidio dei mercati ad alto potenziale di crescita e la maggiore e progressiva efficienza del processo produttivo sono basi solide per poter aspirare al raggiungimento di risultati incrementali in termini di ricavi e redditività”.