Uno sguardo sugli agricoltori di domani

0
276

La questione del passaggio generazionale è sicuramente uno dei temi che tocca più da vicino il futuro dell’agricoltura e dell’intero settore agroalimentare. Chi e come produrrà infatti il cibo in futuro? E in che modo cambierà la figura dell’agricoltore?

È questo l’argomento discusso dagli ospiti e dagli esperti protagonisti del terzo episodio di Global Trends, il nuovo format di BKT Network dedicato ai macro-temi e alle tendenze che influenzano l’agricoltura mondiale.

Si stima che nei prossimi 15 anni circa un terzo degli attuali agricoltori andrà in pensione. Per la maggior parte del mondo cosiddetto sviluppato, infatti, l’età media di un agricoltore è di circa cinquanta o sessanta anni. Eppure, sempre meno giovani esprimono interesse per una carriera in agricoltura, a causa anche degli ostacoli e delle barriere che penalizzano l’ingresso delle nuove generazioni in questo settore.

La difficoltà nell’ottenere fondi per investimenti e per acquistare terreni è sicuramente uno degli ostacoli principali che le nuove generazioni si trovano a fronteggiare all’inizio della loro carriera” – spiega Matthew Tilt, giornalista della rivista inglese Farm Contractor and Large Scale Farmer. “C’è poi la questione dei salari. L’agricoltura, rispetto ad altri settori, vede purtroppo stipendi generalmente più bassi. Per questo motivo, un ingrediente fondamentale per chi vuole iniziare un business in questo settore è la passione e la voglia di costruire passo dopo passo un’attività che spesso può essere faticosa e difficile, ma che porta anche tantissime soddisfazioni”.

Eppure, come spiega Diana Lenzi, Presidente del CEJA (Council for European Young Farmers), il ricambio generazionale è uno dei presupposti per migliorare la competitività del settore agricolo nel lungo periodo e per garantire in futuro una produzione alimentare sostenibile. “È importante offrire alle nuove generazioni la giusta formazione e gli strumenti necessari per aiutarli a costruirsi un futuro nel settore avviando un business sostenibile. Soprattutto è fondamentale affiancare i giovani agricoltori nella fase di start-up dove i costi sono maggiori. Come CEJA ci stiamo impegnando a trovare soluzioni che agevolino il cambiamento generazionale portando al tavolo decisionale gli stessi agricoltori, giovani e non, dando voce alle loro necessità e reali esigenze”.

Secondo Scott Downey, Professore alla Purdue University, USA, e Direttore del Center for Food and Agricultural Business, a livello di formazione, sarà necessario per i giovani aspiranti agricoltori avere una profonda conoscenza della tecnologia e dei processi digitali. “Direi che avere competenze tecnologiche sarà un prerequisito per lavorare in agricoltura, e le nuove generazioni dovranno quindi essere preparate per questo. Nei prossimi anni, l’analisi e l’utilizzo dei dati diverrà sempre più centrale nei business agricoli, determinando i processi decisionali non solo delle grandi aziende ma anche delle realtà più piccole. La trasformazione digitale e tecnologica non coinvolge semplicemente la categoria degli agricoltori, ma l’intera filiera del settore, fornitori inclusi”. 

A portare la sua personale esperienza su questo tema è stata infine Giorgia Scaglia, Communication Specialist dell’azienda agricola Scaglia, situata nel nord Italia e gestita dalla sua famiglia. “L’azienda agricola Scaglia è stata fondata dal mio bisnonno nel 1931, ed è ora gestita da mio padre e dai miei zii. Saremo io, mia sorella e i miei cugini ad ereditare l’attività in futuro. Se vedo una differenza tra la nostra generazione e quella di mio papà e dei miei zii? Assolutamente sì. Grazie al nostro percorso di studi abbiamo avuto l’opportunità di studiare e capire l’importanza delle nuove tecnologie e metodologie produttive, portando in azienda nuovi approcci e implementando la cosiddetta ‘AgTech’. Ci sono tante differenze tra le diverse generazioni che lavorano nel comparto. Una cosa però ci unisce: la passione e l’amore per la terra e per quello che facciamo”.

 A questo link è disponibile l’intera puntata