Un trattore autonomo per un’agricoltura più sostenibile

274

Kubota ha una lunga tradizione nei trattori autonomi. Tradizione iniziata per risolvere il problema della carenza di manodopera e consentire lo svolgimento dei lavori con precisione, anche di notte, senza interruzioni. Il nuovissimo Agri Robo KVT, esposto per la prima volta in Europa ad Agritechnica 2023, consente agli agricoltori di operare manualmente o in modo autonomo. Infatti, può percorrere la strada verso l’area di lavoro come un normale trattore e, una volta nell’area di lavoro, consente di attivare la modalità autonoma in modo che svolga il lavoro autonomamente. L’operatore può anche comandare a distanza due trattori contemporaneamente tramite un tablet, uno speciale telecomando o uno schermo in cabina.

In particolare, il nuovissimo Agri Robo KVT è un trattore autonomo di fascia media da 100 CV sviluppato sulla piattaforma del modello Kubota M5112. Il motore diesel a quattro cilindri Kubota V3800 di 100 CV, l’impianto idraulico, gli assali e la cabina sono ereditati dal modello precedente, ma la trasmissione KVT è completamente personalizzata per la funzionalità autonoma. Il trattore incorpora una tecnologia sonar e scanner all’avanguardia, oltre a sistemi di riconoscimento ottico, che gli consentono di rilevare ostacoli o persone fissi o in movimento a qualsiasi distanza.

Agri Robo KVT è anche più leggero dei trattori standard: ha un un peso compreso tra 3.550 e 4.130 kg che provoca una minore compattazione del suolo. In tal modo Agri Robo KVT protegge il terreno e migliora i rendimenti dei raccolti contribuendo anche ad un’agricoltura più sostenibile.

A cura di Pier Luigi Scevola