Un primo passo ma serve la concertazione

1306

“Il testo legislativo è da considerarsi solo un primo passo verso l’adozione di quelle misure indispensabili per rilanciare il settore primario, anche attraverso la strada della semplificazione. Ora, il Governo dovrà avviare la concertazione con le organizzazioni agricole e completare l’iter parlamentare migliorando le misure previste nel Collegato ”.  Questo è il commento della Cia-Confederazione italiana agricoltori in relazione all’approvazione, da parte del Consiglio dei ministri, del disegno di legge collegato alla legge di Stabilità, in tema di semplificazione, razionalizzazione e competitività del settore agricolo, agroalimentare e della pesca.

La Cia mette in evidenza come, nel testo, si affrontino temi già ripresi in varie proposte legislative e sottolinea però la carenza di disposizioni sull’organizzazione dei produttori e dell’offerta dei prodotti, anch’essi affrontati in vari Ddl parlamentari.

Non sono sufficienti, secondo la Cia, le risorse dedicate a materie specifiche ed all’insediamento dei giovani (prevedendosi solo finanziamenti per l’imprenditoria femminile). Sono previste misure per due importanti comparti, riso e pomodoro, ma andranno ricomprese interventi anche per altre produzioni di grande rilevanza per il nostro Paese.