Un nuovo vitigno autoctono in Valpolicella

1489

Una nuova varietà di uva dal Dna finora mai censito va ad arricchire il patrimonio dei vitigni autoctoni italiani. Si chiama Spigamonti, dal nome della località in cui si è stata individuata, nei pressi di Montecchio di Negrar (VR), a 450 metri d’altezza, in un vigneto appartenente a un socio viticoltore di Cantina Valpolicella Negrar. A siglare l’entrata di Spigamonti nel gotha dei vitigni italiani, la registrazione avvenuta a fine gennaio 2014 nell’elenco delle varietà di uve da vino ammesse dalla Regione Veneto alla coltivazione nella provincia di Verona.
Si tratta di un importante recupero di quell’enorme patrimonio viticolo di vitigni ormai dispersi, oltre 200 varietà a bacca rossa, che Luigi Sormanni Moretti (1834-1908) evidenziava nella “Monografia su la Provincia di Verona” già a fine ’800“, dichiara Daniele Accordini, enologo e direttore di Cantina Valpolicella Negrar.

Leggi l’articolo sul sito di VQ – Vite, Vino&Qualità