Un bando per diventare gli agricoltori del domani

0
1348

Studiare “sul campo” teoria e soprattutto pratica. Con un obiettivo: diventare gli agricoltori di domani. Hanno tempo fino al 27 aprile gli aspiranti under 40 che vorranno partecipare al bando per la “Scuola diffusa della Terra – Emilio Sereni”, un progetto di formazione teorico-pratica rivolto a giovani aspiranti agricoltori, che vuole offrire conoscenze e competenze di alto livello scientifico per mettere in pratica un modello agricolo più sostenibile, selezionando 15 partecipanti. La Scuola è rivolta ai giovani e adulti fino a 40 anni compiuti in cerca di occupazione e in possesso del diploma di scuola secondaria superiore o che, pur non avendo il diploma di istruzione secondaria superiore, hanno maturato competenze teorico-pratiche coerenti con le materie del corso. La formazione si terrà a Roma con docenti, ricercatori, scienziati, agronomi ed ecologisti di profilo nazionale.  Durante il corso verrà garantito alloggio ai non residenti.

Uno degli aspetti più significativi e innovativi del progetto è dato dal fatto che al termine della parte formativa, dopo una valutazione del percorso fatto, a 3 dei 15 partecipanti sarà offerto un percorso in azienda con tirocinio e relativa borsa di lavoro retribuita. I giovani agricoltori saranno quindi avviati verso una opportunità concreta di sbocco lavorativo. I 3 tirocini previsti avranno la durata di 6 mesi per le aziende “Tabacca” (Liguria), “Cooperativa Co.r.ag.gio” (Lazio), di un anno per il “Felcetone” (Toscana). Il “Felcetone” è una azienda agricola e zootecnica sul Monte Amiata che si occupa di recuperare e salvare specie a rischio estinzione, sia animali che vegetali. Tra le specie allevate il cavallo nero maremmano, la capra di Montecristo, il suino nero macchiaiola maremmana e la pecora sopravissana. La “Tabacca” è una azienda agricola sulle alture di Genova Voltri, circondata da 7 ettari di terreno, che produce ortaggi e frutti di bosco. La Tabacca utilizza metodi di progettazione e tecniche di coltivazione ecologiche, come la permacultura, l’agricoltura sinergica e naturale. La “Cooperativa Co.r.ag.gio” è una cooperativa agricola condotta da giovani sulle terre pubbliche di Roma, sulla via Cassia, che produce ortofrutta locale, lavorando nella formazione ecologica per l’infanzia e nella multifunzionalità sui 22 ettari del parco agricolo Borghetto San Carlo. Sono previsti 6 cicli di formazione in 4 anni. Il primo avrà inizio l`8 maggio per concludersi il 15 giugno, con 3 fasi teorico-pratiche (8-12 maggio e 15-19 maggio: formazione teorica, 22-26 maggio e 29 maggio-1 giugno: formazione pratica, 5 giugno: inizio tirocini in azienda).

“La Scuola diffusa della Terra Emilio Sereni – afferma Fabio Ciconte, direttore di Terra!, è un progetto ambizioso con cui vogliamo dare una risposta concreta ai tanti giovani che in questi anni ci hanno chiesto un aiuto per avvicinarsi all`agricoltura e nello stesso tempo vuole essere l`affermazione di cosa intendiamo per agricoltura ecologica, rispettosa dell`ambiente e della biodiversità. Non a caso le aziende partner di questo progetto sono, nella loro peculiarità, emblematiche del modello ecologico a cui tendiamo. Se l`agricoltura industriale tende a trasformare il cibo in commodity, cioè in merce, con questo progetto valorizziamo la biodiversità, la qualità e l`ambiente, restituendo valore ai prodotti della terra e a chi li lavora”.

La Scuola è stata intitolata Emilio Sereni, politico, scrittore e storico dell`agricoltura, riferimento fondamentale per chi intende il lavoro agricolo come valorizzazione di saperi e pratiche contadine, capaci di proteggere l`ambiente e di preservare la qualità del paesaggio. Le candidature dovranno pervenire entro il 27 aprile compilando il form sul sito scuolaemiliosereni.it.

Emiliano Raccagni