Non gettare il tappo in sughero

1450

Continua la campagna di raccolta dei tappi in sughero promossa da Amorim Cork Italia, oltre a Veneto e Lombardia, ha contagiato anche il Piemonte.

Il progetto di raccolta e riciclo dei tappi in sughero, promosso da Amorim Cork  Italia, si chiama Etico: lanciato a giugno, è un box di raccolta che ha già superato le 5 tonnellate di tappi. Al riciclo ci pensa l’azienda Eco Profili, li recupera nel campo della bioedilizia.
Il sughero è, infatti, una risorsa davvero preziosa ed è uno spreco gettarla nella spazzatura, quando, attraverso il suo riutilizzo si possono trovare applicazioni di riciclo, con numerose applicazioni, dalla bioedilizia al design. L’azienda Amorim Cork, ha lanciato, proprio nelle scorse settimane, il “Manuale tecnico per il corretto utilizzo del tappo in sughero”, uno strumento dedicato agli operatori del settore (clicca qui per leggere l’articolo sul manuale).
Molti sono i nuovi aderenti al progetto, tra cui Amia, l’ente che gestisce i servizi di igiene urbana nel territorio di Verona e nei Comuni di Boscochiesanuova, Cerro Veronese, Grezzana, San Giovanni Lupatoto, Villafranca e Sant’Ambrogio di Valpolicella, che si aggiunge a Savno, ente di gestione rifiuti del Veneto Nord Orientale. Insieme ai sommelier F.I.S.A.R. del Nordest e a quelli dell’AIS Veneto, e a fianco delle cantine del Veneto e a quelle aderenti al Consorzio del Chianti Classico, sono impegnati oggi anche i Vignaioli Piemontesi i quali rappresentano la più grande organizzazione di produttori vitivinicoli d’Italia riconosciuta dall’Unione europea.
Nuove adesioni anche tra le onlus, in prima fila anch’esse nella raccolta e beneficiarie del ricavato dell’area territoriale di riferimento. Alle prime due aderenti, la Fondazione Oltre il Labirinto onlus e la onlus “A braccia aperte” insieme alla cooperativa Estia del Carcere di Bollate (MI) che segue lo smistamento dei tappi raccolti, si sono aggiunte ora anche Le.Viss. (Leucemia Vissuta) associazione di volontariato impegnata nel sostegno a 360° all’ammalato ematologico e ai suoi familiari attiva nel veronese e Libera!, associazione fondata da don Luigi Ciotti e impegnata nella gestione dei beni confiscati alle mafie. New entry tra i partner di Etico anche AGIVI, l’associazione che riunisce i giovani imprenditori vinicoli italiani.
Carlos Santos, Ad di Amorim Cork Italia, spiega: “È emozionante vedere sempre nuove realtà aderire con entusiasmo al progetto e dare vita a quel circolo virtuoso di sostenibilità e solidarietà che è il vero obiettivo di Etico. Tutelare l’ambiente è una sfida che per Amorim  è vitale dato che la Natura è la nostra prima alleata strategica. Non possiamo non essere in prima linea nella promozione dell’ecosostenibilità: dalla Natura dipende tutta la nostra attività”.