Spartan 700 per le trinciatrici più potenti

0
350

 

Dal 1965 Capello costruisce attrezzature affidabili, innovative e performanti che trovano impiego per la raccolta ottimale di grano, mais e altri cereali nonché di girasole e foraggi. Tra queste attrezzature, le testate di taglio diretto Spartan offrono un eccellente taglio e la possibilità di essere collegate a qualsiasi tipo di trinciatrice semovente.

In particolare, Spartan 700 è stata ideata per lavorare con le più potenti trinciatrici semoventi. Presenta dimensioni maggiori rispetto agli altri due modelli Spartan 520 – Spartan 610 e ha ricevuto il riconoscimento di Novità Tecnica 2022 alla Fiera Nazionale della Meccanizzazione Agricola di Savigliano.

Spartan 700 si avvale di una barra falciante con 16 dischi rotanti in linea, concepita e sviluppata completamente in azienda. La barra falciante è capace di un taglio ottimale, omogeneo che genera un flusso di prodotto verso l’alimentatore della trincia semovente fluido e continuo. Questo anche grazie alla coclea alimentatrice di grande diametro che, con un semplice e funzionale sistema oscillante, permette di avere sempre un flusso regolare con ogni tipo di prodotto, anche in condizioni difficili.

 

I tecnici della Capello hanno studiato le superfici lisce ed il profilo conico del disco di taglio insieme alla velocità della coclea convogliatrice per permettere al foraggio di confluire nel convogliatore con un flusso regolare che riduce la potenza richiesta, anche quando si lavora su un prodotto allettato. Le parti soggette ad usura sono intercambiabili e in materiale ad alta resistenza, appositamente scelto per garantire una lunga durata. I coltelli sono ad attacco rapido per ridurre drasticamente il tempo di sostituzione. Sostituzione che può essere eseguita senza l’ausilio di chiavi.

La scatola di trasmissione integrata consente il cambio di velocità per variare l’alimentazione della coclea e contemporaneamente variare la lunghezza di taglio del prodotto raccolto. Questa caratteristica consente di adeguare la raccolta sia alle esigenze dell’alimentazione degli animali in allevamento che alle specifiche caratteristiche delle colture dedicate alla produzione di biogas.

A cura di Pier Luigi Scevola