Sicurezza in agricoltura. Un accordo tra Inail e FederUnacoma

2091

È stato siglato l’accordo quadro di collaborazione tra Inail e FederUnacoma per sviluppare metodologie di analisi degli infortuni sul lavoro e delle loro cause, avviando progetti che migliorino i livelli di sicurezza nel settore dell’industria della meccanizzazione agricola.

“Nel settore agricolo gli infortuni connessi all’utilizzo di macchine agricole, e in particolare quelli che hanno un esito grave o mortale, sono in numero ancora troppo elevato” – commenta il Presidente dell’INAIL Massimo De Felice – “Questo accordo ci consentirà di approfondire la ricognizione delle cause di questo grave fenomeno, mettendo a sistema i dati informativi e le risorse professionali di Inail e FederUnacoma”.

“L’accordo tra Inail e FederUnacoma consente un salto di qualità nel modo di affrontare il problema degli incidenti in agricoltura – sostiene il Presidente di FederUnacoma Massimo Goldoni – perché grazie ai protocolli che stiamo mettendo a punto riusciremo a ricostruire con precisione le circostanze in cui si verificano gli incidenti con i mezzi meccanici e quindi a capire dove intervenire con azioni preventive specifiche. Il Data Base che utilizzeremo introduce parametri come l’età e le caratteristiche del mezzo meccanico, l’età del conducente, le condizioni ambientali e tutto ciò che permette appunto di comprendere la dinamica e le cause effettive di ogni singolo incidente. Questo sarà alla base di una più efficace politica della sicurezza”.

L’accordo di collaborazione tra Inail e FederUnacoma prevede in particolare:

• lo sviluppo di metodologie di analisi degli infortuni, al fine di individuarne le cause e adottare soluzioni in grado di incidere concretamente sui livelli di sicurezza nel settore dell’industria della meccanizzazione agricola, realizzando anche un database che consenta di creare un sistema omogeneo di rilevamento dei dati infortunistici nel settore;

• la realizzazione e la sperimentazione di buone pratiche, sia di carattere tecnico e procedurale nell’utilizzo dei macchinari, sia di tipo gestionale con riferimento alle specificità dell’organizzazione del lavoro del settore, nonché di programmare eventuali piani formativi per gli operatori del settore e della filiera;

• la elaborazione di progetti e soluzioni tecniche per elevare i livelli di sicurezza, in grado di stimolare avanzamenti normativi sia a livello nazionale e che comunitario.