Più gite verdi per il primo maggio

1473

 

Sono 5,3 milioni gli italiani che hanno scelto di fare almeno un giorno di vacanza fuori per il ponte del primo maggio con un leggero calo del 4 per cento rispetto allo scorso anno dovuto anche al fatto che in quasi dieci milioni hanno già approfittato dei ponti primaverili piu’ favorevoli di Pasqua e del 25 aprile. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Ixe’ dalla quale si evidenzia che tra le destinazioni prevalgono il mare, la montagna e le città d’arte, ma un tendenza molto positiva nonostante il tempo incerto si riscontra per il turismo ecologico nei parchi e nella campagna secondo l’associazione agrituristica Terranostra.  La leggera flessione per la Festa dei Lavoratori, non inficia il bilancio turistico dei ponti di primavera che – sottolinea la Coldiretti – resta molto positivo con oltre 15 milioni di italiani in vacanza ed un aumento complessivo del 5 per cento, in netta controtendenza rispetto al passato. La collocazione della Festa del primo maggio  ha spinto in molti a progettare un viaggio a breve raggio da realizzare in giornata per fare una scampagnata low cost. La tendenza al risparmio – conclude la Coldiretti – riguarda anche i pasti con la rinuncia al ristorante e la riscoperta del pranzo al sacco portato da casa o preparata sul posto nei classici picnic con barbecue.