Per Landini un cavallo in più, ma di solidarietà

0
622

Grazie all’accordo stretto con APS Territorio Sostenibilità ed Inclusione, Landini ha finanziato l’operazione per l’acquisto di uno dei 4 cavalli che dal 9 ottobre sono partiti per il raid equestre da Monaco di Baviera fino a Verona, in concomitanza con l’avvio della importante esposizione Fieracavalli nella città scaligera, al termine del quale verranno donati a più centri che praticano Interventi Assisiti con gli Animali a favore delle categorie fragili.

Siamo sinceramente entusiasti di partecipare a questo progetto di sensibilizzazione ed educazione all’inclusione e alla solidarietà, oltre che di promozione del territorio e di attenzione all’ambiente che ci circonda – commenta Mario Danieli, Country Manager Italia di Argo Tractors – Sono valori che da sempre appartengono alla nostra filosofia aziendale, al nostro quotidiano impegno professionale e che ci uniscono al significato più puro di questo progetto, che abbiamo abbracciato da subito e per il quale vogliamo ringraziare l’APS Territorio Sostenibilità ed Inclusione e il Presidente Gianni Dalla Bernardina, sia per averci coinvolto, sia per il sempre puntuale e prezioso impegno profuso su queste importanti tematiche”.

Partito dalla Baviera il 9 ottobre, il raid percorrerà circa 600 chilometri dell’antica via romana “Claudia Augusta”, che da Monaco, attraverso la valle dell’Inn e il Fernpass in Austria, il passo Resia e la valle dell’Adige in Italia, permetteranno di giungere a Verona il 3 novembre, giorno dell’apertura della 124° edizione di Fieracavalli. Il percorso sarà suddiviso in 22 tappe con percorrenze giornaliere tra i 2 e i 45 chilometri a seconda della difficoltà del terreno.  Grazie alla collaborazione dell’Associazione Nazionale Allevatori Cavalli di Razza Bardigiana e di ANAREAI, sono stati scelti 4 esemplari che saranno condotti da 4 cavalieri che si alterneranno lungo il percorso insieme ai loro cavalli in modo da non affaticarli troppo. Seguirà il viaggio anche un team di veterinari e maniscalchi, mentre verranno ospitate in alcune tappe anche personalità dello sport, della politica, dell’imprenditoria e del giornalismo per stimolare l’attenzione dei media e del pubblico vero gli scopi del progetto.

L’obiettivo è triplice: sensibilizzare il pubblico sulla diversità e sulle varie forme di disabilità fisica e sociale che possono trarre vantaggio dal rapporto con il cavallo; avvicinare le persone al turismo lento ed ecologico, promuovere il territorio e il rispetto dell’ambiente; ricordare due importanti figure del mondo dell’equitazione italiana Mario Palumbo, giornalista e direttore di Cavallo Magazine e Roberto Gobbi, uno dei “padri” dell’attuale Fieracavalli, realtà a favore delle categorie fragili o di quanti affetti da altri tipi di disabilità che possono trarre beneficio dal rapporto con il cavallo.