Mense a Km zero

1536

Nelle mense lombarde si portano in tavola ogni anno 14 milioni di pasti con prodotti agricoli italiani a km zero.
Il km zero si fa largo nelle mense della Lombardia. Secondo un’analisi della Coldiretti regionale, dal marzo 2011 a oggi, sono stati già 14 milioni i pasti serviti nelle scuole, negli asili nido e negli ospedali dove era presente almeno un prodotto della filiera agricola italiana: il numero è destinato ad aumentare, entro settembre 2012, infatti, è previsto un raddoppio a 28 milioni.
Ettore Prandini, Presidente della Coldiretti Lombardia, spiega la scelta dei prodotti a km zero con il bisogno di certezze e fiducia, almeno in ciò che le viene messo nel piatto, che la società ha, adesso in questo periodo di crisi.
Al Policlinico San Donato, per esempio, vengono utilizzati ortaggi, frutta e carne del territorio per quasi mezzo milione di pasti all’anno. Nelle mense di Milano Ristorazione si è iniziato con l’insalata in busta già pronta e i legumi secchi bio. Al Comune di Lonato sul Garda vengono forniti ortaggi, formaggi e carne a km zero. È un percorso di incontro fra la domanda dei consumatori e la proposta dei produttori, anche per questo in Lombardia sono nati 100 farmers’ market.