Macchine agricole: la domanda in Europa resta alta

1399

Continua a crescere la vendita di macchine e attrezzature per i lavori agricoli: nel 2011 l’incremento è stato del 35%.
L’assemblea annuale dei costruttori CEMA, che si è svolta a Padova, ha fatto emergere come le vendite di macchine e attrezzature per i lavori agricoli in Europa continuino a crescere. Siamo solo nei primi mesi del 2012 e gli ordini sono aumentati, complice anche il 2011, che si è chiuso con un incremento del 35%. Nel corso del 2012 si prevedono aumenti intorno al 5% nei Paesi dell’Europa occidentale e addirittura aumenti a due cifre in quelli dell’area orientale.
I componenti del Gruppo delle attrezzature per la protezione delle piante, presieduto da Dirk Hollinderbäumer, riferiscono di una sempre maggiore richiesta di mezzi che consentano una più ampia superficie di lavoro  ed una velocità più elevata.
Anche la completa pulizia del serbatoio delle irroratrici è un argomento di grande interesse, grazie anche al loro livello di equipaggiamento, sempre più sofisticato, come il controllo tecnologico con GPS. Durante l’assemblea è, poi, emerso come il controllo elettronico sia una delle più importanti tendenze anche per il segmento produttivo delle macchine per la semina e la fertilizzazione, in considerazione, infatti, dell’aumento dei prezzi dei fertilizzanti molti agricoltori e contoterzisti europei scelgono irroratrici dotate di un sistema di pesatura. Queste sono tendenze chiare anche per il settore della semina: la coltivazione della barbabietola da zucchero, per esempio, ha comportato una forte crescita nel mercato delle seminatrici di precisione in alcuni Paesi come Germania e Russia, e la progressiva affermazione della lavorazione minima del terreno, in Europa, ha spinto anch’essa il mercato di questa tipologia di macchine.
Nel campo delle macchine per la lavorazione del terreno, si registra una vasta gamma di prodotti per ogni esigenza: da una parte ci sono le tecniche che escludono l’uso dell’aratro, d’altra parte sono sempre molto diffuse le tecniche di lavorazione con aratri, come confermato dalle vendite di queste tipologie di attrezzi, cresciute del 38% in Europa nell’ultimo anno. In aggiunta alle condizioni del terreno, i costi, le rese realizzabili e la resistenza delle colture alle malattie giocano certamente un ruolo importante nello sviluppo della meccanizzazione per la lavorazione del terreno. Nel corso del meeting, si è dedicata attenzione anche al metodo della coltivazione “a striscia”, un metodo che sembra offrire un compromesso valido alle coltivazioni tradizionali.