L’ultima nata in casa Ferrari

0
1705

La trapiantatrice FPA Evolution di Ferrari Costruzioni Meccaniche, con distributore intermittente e tazze rotanti, si presenta sul mercato con soluzioni innovative idonee a risolvere soprattutto i problemi collegati al trapianto su pacciamatura ma capace di lavorare ottimamente anche su terreno nudo non perfettamente preparato. È idonea al trapianto di diversi tipi di ortaggi (tra cui: cicorie, radicchio, porri, zucchine, meloni, peperoni e pomodoro)  in zolle di diverse forme e dimensioni: coniche, cilindriche, cubiche sino a 8 cm di lato.  Tra i componenti più interessanti della FPA Evolution merita di essere evidenziato il Sistema Parallelogrammo che consente  al corpo piantante di seguire con precisione il profilo del terreno adattandosi ad eventuali irregolarità evitando di danneggiare il film plastico di pacciamatura, problema spesso evidenziato dagli operatori che utilizzano macchine prive di tale dispositivo. Il Sistema Parallelogrammo consente, inoltre, una costante profondità di inserimento della piantina anche al variare dell’altezza del letto di trapianto o con terreno non perfettamente preparato. Un altro aspetto particolare della FPA Evolution è rappresentato dal sistema cinematico di rotazione del corpo di trapianto che è montato su cuscinetti doppi: in tal modo sono ridotti al minimo gli attriti e l’usura dei componenti, il movimento risulta più fluido, richiede minore sforzo consentendo una maggiore precisione di lavoro ed evita gli impuntamenti causati da una insufficiente trazione delle ruote motrici. Il corpo distributore consente a un solo operatore di gestire due file di trapianto collocando le piantine ad una distanza molto ridotta (18 cm) raggiungendo rendimenti superiori alla media sia in termini di quantità di piante trapiantate per ogni ora di lavoro sia in termini di qualità del trapianto. Le piantine, infatti, vengono disposte sempre ben verticali dal distributore intermittente a tazze perforanti, ideale per operare su film plastico di pacciamatura. La chiusura del foro praticato dalla tazza è garantito da due ruote di rincalzo larghe 10 cm che provvedono a compattare il terreno adiacente alla piantina in modo che aderisca il più possibile alle radici. La distanza di impianto sulla fila è regolabile, da 18 a 165 cm, variando il numero di tazze dell’elemento di trapianto. La FPA Evolution è disponibile con barra portante larga 180-220-250 o 420 cm a richiesta su cui possono essere ospitati da 1 a 9 corpi piantanti con interfila comprese tra 30 e 180 cm. Richiede l’accoppiamento a trattori con potenza al motore compresa tra 30 e 105 CV (22-77 kW).