Le applicazioni Agrimaster per la viticoltura

1933

Le linee parallele che tengono insieme la viticoltura e Agrimaster passano certamente anche dal detto che il “vino invecchiando diventa più buono“. 30 anni per la ditta di Molinella non pesano così tanto in termini anagrafici ma certo evidenziano il peso di tradizione, innovazione continua e profonda conoscenza del settore: doti e qualità che oggi la pongono nelle posizioni di vertice negli specialisti della meccanizzazione in agricoltura. La grande passione per la terra, l’intuito nell’anticipare le domande del mercato non potevano che trovare applicazioni importanti in un settore, quello vitivinicolo, che vive di sentimenti forti, di estrema attenzione alla qualità, di un delicato binomio tra tradizione e modernità.
Così le linee KN, KP ed in particolare la trinciatrice KL sono oggi al top per gli usi legati alla viticoltura. Nella coltivazione della vite, un sistema efficace di pulitura del campo, ad esempio, è già la premessa di un buon raccolto perché elimina il rischio di malattia e rende più agevole la coltivazione. Nei lavori di sistemazione di incolti o nella pulizia dei fossi Agrimaster propone soluzioni con decespugliatrici a braccio idraulico Shark B oppure le Green Shark per mini trattori. Per la sistemazione del vigneto dopo la potatura invernale, ecco soluzioni con trinciatrici pensate e progettate per lavorare con facilità su ogni tipo di superficie viticola, dalle coltivazioni collinari o in forte pendenza, agli impianti di vecchia concezione che limitano il passaggio di macchine tra i filari. Ci sono modelli di trince, nella linea Langhe, prodotti in diverse larghezze e adatti per la trinciatura dei sarmenti in vigneti molto stretti. Oppure i modelli KL SW Supero anche XB, studiati per la trinciatura di tralci di vite ed actinidia e dei sarmenti di piccole dimensioni, la trinciatrice FL con spostamento laterale idraulico e la XL adatta per piccoli trattori. Anche nella gamma degli atomizzatori per i trattamenti ai vigneti ci sono i modelli ATP costruiti secondo criteri di elevata tecnologia, cui è stato dato il nome di Charlie.