L’attenzione del gruppo ADR per la sicurezza

2291

L’evoluzione della meccanizzazione agricola, che ha prodotto un progressivo aumento delle masse e delle prestazioni dei veicoli, sta rivelando problematiche di sicurezza tipiche dei veicoli stradali, esasperate dalla necessità di coniugarle con alcune caratteristiche proprie dell’uso in campagna, quali, ad esempio, gli pneumatici a bassa pressione. La stabilità dei veicoli in agricoltura è pertanto oggetto di studi mirati e le sospensioni tradizionali vanno rimesse in discussione. Il dipartimento di ricerca e sviluppo del gruppo ADR, forte dell’esperienza maturata in oltre 50 anni di presenza nel mondo della meccanizzazione agricola, dei quali almeno 30 a stretto contatto con le realtà internazionali, ha concentrato i suoi sforzi sulla definizione di famiglie di sospensioni la cui progettazione è mirata alle esigenze operative ed ambientali dei vari campi di applicazione. Particolare attenzione è rivolta soprattutto alle sospensioni attive, oleodinamiche, che i tecnici ADR hanno individuato come le più performanti e versatili per le macchine agricole. La loro caratteristica di operare con due fluidi, un liquido ed un gas, le rende facilmente adattabili a tutte le esigenze di assetto, stabilità e sicurezza di marcia, caratteristiche di un settore dove le macchine e le relative prestazioni sono le più diverse. L’idraulica agisce sull’assetto, la pneumatica sull’elasticità della sospensione, mediando tra comfort e rigidezza, per ottimizzare il comportamento del veicolo nella marcia in strada ed in campagna ed assicurare la massima sicurezza anche in una manovra di emergenza, come potrebbe essere una frenata improvvisa.

 

La gamma di sospensioni ADR.

HydrOK, solida e affidabile : Classica, con asse rigido o sterzante, di costruzione semplice, adatta a veicoli da trasporto, caratterizzati da trasferimenti veloci su percorsi asfaltati e a fondo naturale. Ha una notevole rigidezza torsionale ed una costruzione tradizionale, con bracci a profilo parabolico ed ancoraggio modulari che la rendono adattabile a tutti gli assi della gamma ADR. HydrOK assicura un’efficace tenuta di strada anche a veicoli con baricentro alto e ai carri cisterna.

 

 

HydroEvo, l’ideale per il fuori strada : È una sospensione idraulica a bracci indipendenti che garantisce un’elevata aderenza in tutte le condizioni di esercizio ed è particolarmente adatta a macchine che operano su terreni molto accidentati. I bracci di sospensione longitudinali consentono di superare dislivelli notevoli senza oscillazioni sensibili del veicolo che si muove come galleggiando sulle asperità. La sua vocazione ad affrontare i terreni impervi deriva dalla somiglianza della sua geometria con quella tipica delle motociclette per il fuori strada. La disposizione dei cilindri sotto il telaio del veicolo ne fa una sospensione molto compatta e particolarmente stretta. Questa caratteristica consente l’utilizzo di pneumatici a bassa pressione di grandi dimensioni senza penalizzare la larghezza del telaio  del veicolo che risulta così più stabile e sicuro. HydroEvo è la soluzione ideale per le macchine operatrici da cava o per le agricole soggette a forti squilibri di carico. Può essere implementata con un sistema di stabilizzazione oleodinamica a controllo elettronico che ne fa una sospensione attiva riducendo il rollìo, migliorando la stabilità dei veicoli con baricentro molto alto, delle cisterne e delle macchine per la zootecnia.

 

STT, la multi link per i casi estremi

È particolarmente adatta alle macchine operatrici, forestali e agricole operative in condizioni ambientali estreme. La sua concezione multi-link ne fa una sospensione estremamente adattabile ai terreni accidentati e al tempo stesso stabile e sicura nell’impiego stradale. Assicura tenuta di strada e stabilità del rimorchio in tutte le condizioni di esercizio, fino a consentire l’uso del ribaltabile anche su terreni scoscesi. Le sue doti di guidabilità e la sua versatilità d’impiego aumentano la sicurezza percepita dal conducente ed offrono un comfort di marcia impensabile con le sospensioni tradizionali. Anche in questo caso un sistema di stabilizzazione oleodinamica a controllo elettronico ne fa una sospensione attiva. Riducendo il rollìo, conferisce al veicolo un comportamento stradale caratteristico della HydrOK senza penalizzare tuttavia la sua adattabilità ai terreni accidentati e l’efficacia della frenata.

 

GUARDA IL FILMATO

 

[box title=”Non solo oleodinamica” color=”#FF6600″]

KW è uno sguardo al futuro nel rispetto della tradizione 

Anche se la sospensione oleodinamica è, per la sua versatilità e modularità, compatibile con una popolazione praticamente illimitata di macchine agricole, tuttavia il gruppo ADR continua a dedicare le sue risorse anche allo sviluppo delle sospensioni a balestre, per le quali l’affinamento della tecnica e l’impiego di materiali sempre più performanti consentono oggi di risolvere problemi di prestazioni, stabilità e ottimizzazione dei pesi. L’esempio più significativo è la sospensione modulare KW, molto apprezzata dai costruttori di pianali per il trasporto di macchine cingolate o per le balle di paglia. Quando l’esigenza del costruttore è quella di mantenere il pianale sotto il metro di altezza, non basta l’impiego di ruote piccole e di freni particolarmente compatti. Tutta la meccanica sotto il telaio ha a disposizione spazi molto ridotti. Qui la sospensione oleodinamica, fosse anche la HydroEvo, con i suoi cilindri orizzontali, incontra grandi difficoltà di applicazione. Anche la sospensione tradizionale a balestre ha tuttavia i suoi limiti di funzionalità e di ingombro. Di qui lo studio sviluppato dai tecnici ADR per una famiglia di sospensioni di profilo molto basso, che utilizza balestre paraboliche estremamente compatte, realizzate con acciai di alta qualità per assicurare, in poco spazio, grande flessibilità e portata elevata. I risultati sono un’elevata sicurezza, tenuta di strada e frenata impeccabili.

[/box]