La pala 457 AGRI di JCB ancora più vantaggiosa con la nuova powertrain

0
431

Introducendo versioni di motori settate per soddisfare le normative europee sulle emissioni Stage V nei modelli AGRI 457, 437 e 427, JCB ha colto l’occasione per montare di serie trasmissioni powershift, che precedentemente erano opzionali, e aggiornare alcune funzionalità per migliorare ulteriormente il comfort dell’operatore e l’usabilità quotidiana.

JCB 457 Agri

La nuova linea di trasmissione per la pala caricatrice ammiraglia di gamma JCB per la movimentazione di materiale agricolo offre non solo maggiori prestazioni, ma ora anche un risparmio di carburante fino al 10% rispetto ai modelli precedenti. Nella sua versione più recente, la pala JCB 457 AGRI esposta ad Agritechnica è alimentata da un motore Cummins B-Series da 6,7 ​​litri (che sostituisce l’unità MTU da 7,7 litri installata in precedenza) dotato di ulteriore tecnologia di post-trattamento in un unico modulo compatto per soddisfare i requisiti europei sulle emissioni di gas di scarico Stage V. Proponendo di serie la trasmissione powershift a cinque rapporti, precedentemente opzionale, JCB assicura che tutti possano beneficiare dell’efficienza ottimale che questa configurazione offre in combinazione con il nuovo motore in una vasta gamma di applicazioni; è disponibile opzionale anche un cambio a cinque velocità con blocco del convertitore di coppia per le applicazioni più impegnative. Oltre ad essere più “ecologico”, questo nuovo gruppo propulsore offre un aumento del 9% della potenza erogata – 32kW (24 CV) in più la portano a 210kW (282 CV) – per un incremento delle prestazioni di carico e di movimentazione di materiali sfusi (cereali, fertilizzanti, ecc.)

Il nuovo allestimento offre anche un potenziale risparmio di carburante aggiuntivo fino al 10% grazie all’efficienza di combustione intrinseca del motore, una nuova impostazione di potenza inferiore “Comfort” per operazioni meno impegnative e una nuova funzione di arresto automatico del motore, che comporta il vantaggio aggiuntivo di prolungare gli intervalli di manutenzione. Gli operatori attenti all’economia di gestione possono passare a una seconda curva di potenza con un picco di 167 kW (224 CV) quando non sono necessarie le prestazioni a piena potenza della grande pala, e possono anche attivare la funzione di spegnimento del motore con ritardo regolabile per garantire che il motore a sei cilindri non consumi carburante inutilmente dopo un periodo al minimo.

JCB ha colto l’occasione offerta da questo aggiornamento per migliorare ulteriormente la configurazione del cofano motore, i parafanghi, il bloccaggio della griglia posteriore e la tenuta attorno al gruppo di raffreddamento del motore, che ora è di serie la versione più ampia (precedentemente disponibile come opzione) che contribuisce a ridurre al minimo il rischio di mancanza di circolazione dell’aria quando si lavora in contesti molto polverosi. Il comfort dell’operatore è migliorato con l’aggiornamento delle sedute nelle versioni Deluxe e Super Deluxe della cabina JCB Command Plus, caratterizzata dall’eccezionale visibilità a 360 gradi, e il posizionamento di blocchi di gomma sul telaio vicino al giunto articolato per “ammorbidire” l’azione di sterzo. Le nuove opzioni per la pala ammiraglia di JCB includono una telecamera frontale montata sul tetto, per migliorare la visibilità su benne più grandi e bracci di carico più lunghi, visualizzando le immagini remote su uno schermo a colori insieme al monitor retrovisore standard nella cabina.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here