La 50 000.ma Lexion lascia la catena di montaggio

0
1159

LEXION_50000_ATD3211a

La 50.000.ma Lexion ha lasciato la catena di montaggio della fabbrica di Harsewinkel. Durante i suoi 21 anni di storia, la Lexion è diventata il simbolo del marchio. Le macchine sono state prodotte in più di 50.000 esemplari, utilizzando circa 4.000 metri di cavi elettrici e 215 metri di tubazioni idrauliche. La 50.000.ma Lexion sarà presentata in tutta Europa nel prossimo mese in occasione di un gran numero di fiere. Verrà esibita in una veste speciale per la ricorrenza, con un design totalmente rinnovato. Al termine di un decennio di sviluppi progettuali, nel corso del 1995 CLAAS presenta la prima mietitrebbia Lexion serie 400. Essa era in grado di offrire nuove prestazioni agli agricoltori grazie alla tecnologia APS, un battitore da 600 mm e un sistema di separazione a rotori totalmente nuovo : il ROTO PLUS. Effettivamente, il confort ha sempre rappresentato un punto focale per gli ingegneri di Harsewinkel. La nuova cabina delle Lexion 400 è sempre stata notevole a livello di confort, silenziosità e intuitività, grazie al nuovo computer di bordo CEBIS. Inoltre, i sistemi di guida GPS PILOT e LASER PILOT facilitano la gestione della macchina. Con la Lexion, CLAAS ha stabilito un nuovo segmento di alta gamma per l’agricoltura. A soli sei anni dopo la sua immissione sul mercato, CLAAS ha proposto la 10 000ma mietitrebbia:  una Lexion 480 da 415 cavalli con cingolatura TERRA TRAC e capacità produttiva oraria di 40 tonnellate. CLAAS ha proseguito “l’evoluzione della specie” con la Lexion 500, immessa sul mercato nel 2003. Due anni dopo, CLAAS presenta la gamma 600, in grado di raggiungere una produzione oraria di 70 tonnellate di cereali. Nel 2010, nasce la Lexion 700, la mietitrebbia più grande prodotta nella fabbrica di Harsewinkel. Con una velocità oraria di punta pari a 40 km (in base alle norme locali vigenti), le Lexion 700 sono le preferite per le lavorazioni delle aziende agricole di grandi dimensioni, per rispondere meglio alle sempre più elevate esigenze di produttività e polivalenza; le Lexion si distinguono grazie alla vasta gamma di barre di taglio, che possono raggiungere una larghezza di 12,30 m e alla cingolatura TERRA TRAC di nuova generazione, in grado di preservare il suolo e grazie alla telemetria  TELEMATICS, una  tecnologia di bordo che trasferisce i dati di redditività “geolocalizzati” insieme a tutte le altre dettagliate informazioni collegate al  GSM, direttamente dal computer dell’ufficio. Nel 2013, con la Lexion 780, CLAAS segna un nuovo traguardo nella storia delle mietitrebbie. Oltre a un serbatoio granella avente capacità da 13 500 litri, la Lexion 780 è dotata di un sistema di assistenza alla guida integrata: CEMOS AUTOMATIC. Il software di gestione regola la macchina in funzione dei diversi valori di riferimento inseriti dall’operatore e trova in poco tempo la regolazione ottimale della macchina. Nel corso della giornata, questi parametri sono controllati a intervalli regolari e possono essere adattati e modificati, secondo le condizioni di raccolta riscontrate. In occasione della più vasta esposizione mondiale dell’agricoltura, la fiera Agritechnica di Hannover, la Lexion 700, grazie al sistema di pulitura 4D e al sistema di controllo automatico del flusso prodotto, è stata insignita «Macchina dell’anno 2016 ». La Lexion non deve il suo successo solo ai propri ingegneri, ma anche ai clienti di tutto il mondo, che utilizzano con soddisfazione la mietitrebbia nelle loro aziende agricole. Moltissimi sono coloro i quali si affidano a questa macchina performante da oltre un ventennio. Burghard Kaufmann, responsabile dell’azienda agricola nella regione d’Osnabrück, racconta : “Mio padre ha acquistato la prima  mietitrebbia CLAAS nei primi anni  ‘60. Da allora abbiamo sempre lavorato con macchine CLAAS. Un marchio, una garanzia ! La prima Lexion 430 arrivò nella nostra azienda nel 1998”. Recentemente il Signor Burghard Kaufmann ha ulteriormente ampliato il proprio parco macchine, composto da ben 18 macchine, con una Lexion 670.