Il video: Miscelata a impatto zero con eTruck 1408

0
407

Poggio Alloro, oltre ad essere un’accogliente fattorie con agriturismo della Toscana, da pochi mesi è anche l’azienda agricola che, prima in Italia, dispone di un carro unifeed semovente ad alimentazione completamente elettrica. Abbiamo visitato questa interessante realtà: la nostra attenzione si è subito focalizzata sull’eTruck 1408, l’innovativo semovente commercializzato in Italia da Lucagri, che riduce drasticamente i costi di gestione senza costringere umani e bovini a respirare i gas di scarico e ad ascoltare il rombo di un motore diesel.

Non solo “green”

L’agricoltura biologica è innanzitutto una scelta etica. Utilizzare macchine elettriche – caratterizzate da emissioni zero a livello locale e, se si dispone di una sorgente di energia rinnovabile, anche a livello globale – è l’ultima frontiera per chi ha fatto questa scelta eco-sostenibile. Siloking, azienda tedesca molto attenta alle esigenze emergenti del mercato, propone carri unifeed trainati e semoventi, oltre a miscelatori statici, interamente elettrici. Nell’industria e nella logistica le macchine elettriche sono già una realtà affermata. Per la sua linea eTruck, composta da carri unifeed semoventi da 8, 10 e 14 m³, Siloking si è rivolta alla tecnologia sviluppata da Jungheinrich, leader nel settore dei carrelli elevatori, chiamati a operare in ambienti confinati e perciò dotati di motori elettrici e batterie. Da questa collaborazione sono nati gli eTruck, che abbinano le consolidate qualità dei carri unifeed con motore a scoppio con le migliori performance delle macchine operatrici alimentate da batterie. Semplici, performanti e affidabili, abbinano un impatto ambientale nullo a consumi estremamente contenuti. Per l’allevatore, tutto questo si traduce in notevoli economie di gestione, utili a ridurre il tempo di rientro dell’investimento, senza scaricare sull’ambiente e sulla collettività gli effetti e i costi dell’inquinamento dell’aria provocato dai propulsori diesel.

Leggi l’articolo completo su Macchine Agricole di marzo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here