Il miglior rendimento deriva anche dai servizi

1590

Dal 1995 AUSTEP progetta e realizza impianti biogas per il settore industriale,  agricolo e agro zootecnico, per la produzione di energia da fonti rinnovabili, contribuendo anche in fase di esercizio con la propria assistenza biologica e la manutenzione. L’innovazione, la competenza e l’esperienza sono valori determinanti che conducono le aziende ad orientare le proprie scelte strategiche e di investimento.  Le referenze degli ultimi anni confermano quanto gli impianti Biogas sviluppati e proposti da Austep rappresentano solidità e affidabilità, grazie anche ai servizi  di manutenzione, previsti dal supporto tecnico onsite e da remoto.

L’importanza dei servizi
Gli elementi di valutazione migliore sono rappresentati da esempi concreti: un impianto biogas  da 999 KW con la tariffa 0,28 €/KW rende al mese circa 200.000 €. Questa è l’aspettativa di chi ha investito e gestisce il proprio impianto biogas, per 15 anni dalla messa in esercizio. Trattasi, a  tutti gli effetti, di un’attività imprenditoriale, che per essere di successo deve funzionare con logiche di efficienza e di affidabilità. Questo è uno dei motivi per cui Austep, oltre a curare l’aspetto impiantistico e dell’automazione, ha sviluppato una struttura di assistenza focalizzata sulle esigenze dei clienti. Austep è cresciuta con i propri clienti, sviluppando e mettendo a disposizione una struttura completa (magazzino, parti di ricambio, officina meccanica interna, mezzi  attrezzati, ecc) e personale qualificato per poter gestire al meglio gli impianti, 24 ore al giorno, garantendo un’ efficacia al 100%. Grazie ad una conoscenza approfondita degli impianti installati presso i clienti,  le risorse destinate all’assistenza e al supporto tecnico, sono in grado di intervenire sempre con competenza; in battuta iniziale fornendo indicazioni telefoniche, grazie anche alle informazioni messe a disposizione dal telecontrollo, e successivamente onsite per meglio gestire eventuali situazioni di criticità. Intervenire con efficacia significa ridurre il tempo e la possibilità di fermo impianto. Le risorse di Austep dedicate al laboratorio di ricerca e sviluppo sono in grado di analizzare e individuare rapidamente le cause di eventuali cali di produzione di un impianto. Grazie alla tecnologia e alle sofisticate attrezzature, è possibile effettuare analisi su varie matrici e accompagnando i clienti verso un cambio di alimentazione, economicamente più conveniente, senza correre rischi. Il supporto e l’assistenza tecnica sono sinonimo di affiancamento in tutte le fasi di manutenzione e di gestione biologica degli  impianti. I dati relativi ai risultati derivanti dagli impianti vengono  tenuti sotto controllo quotidianamente; le informazioni vengono elaborate settimanalmente e sviluppate modifiche migliorative;  con una frequenza di almeno 2 volte al mese si effettuano manutenzioni programmate, in cui la sostituzione del materiale è inclusa nel servizio di assistenza tecnica. Tra i servizi inclusi nel contratto di manutenzione è prevista un’analisi con cadenza mensile di ingressi e di uscite, con condivisione dei risultati e dei trend, con sostituzione di parti di ricambio.

Da cosa nasce cosa
L’esperienza acquisita conferma che ogni azienda ha le proprie esigenze e, in base a questo, viene  modificata l’alimentazione dell’impianto, determinata all’inizio del progetto. Ma come intervenire senza danno al funzionamento dell’impianto, visto che preservare le performance di resa dell’impianto rimane l’obiettivo principale? Occorre prevedere le possibili criticità per essere pronti a intervenire, suggerendo delle modifiche a livello impiantistico o di pretrattamento. Sono simulazioni importanti, fatte a quattro mani e con tutte le informazioni a disposizione: caratteristiche e costo dei materiali, concentrazioni limite raggiunte nel digestore, verifica dei tempi di residenza, delle logiche di alimentazione, costo di eventuali modifiche impiantistiche, ecc. Tutte informazioni necessarie a scelte decisionali razionali ed efficaci.

Servizi applicabili a tutti gli impianti, anche se non realizzati da Austep.
In questi casi vengono analizzate attentamente potenzialità e criticità per poter rigenerare l’impianto, con un programma di interventi che vengono implementati subito, con l’obiettivo di massimizzare la redditività dell’impianto, senza indugi.

Come fare
E’ importante intervenire sul sistema di controllo e di automazione, e non sulla tipologia di impiantistica.  Austep, contrariamente ad altri  impiantisti, ha –  all’interno della propria struttura –  una divisione dedicata all’automazione, che è in grado di intervenire modificando o sostituendo il PLC e lo SCADA di qualsiasi fornitore.

Repowering: frutto dell’esperienza
Come aumentare le rese dell’impianto in modo che possa continuare a produrre al massimo e nel frattempo ridurre i consumi di materia prima ? Dopo aver messo a punto il funzionamento del proprio impianto, è importante migliorare ulteriormente la resa, cioè fare in modo che il potenziale energetico ancora presente nel digestato in uscita dall’impianto sia ridotto. Esistono diverse proposte tecniche in tal senso (estrusione, ultrasuoni, elettrocinetica, …) ed è facile incespicare in soluzioni inefficaci o addirittura peggiorative; talvolta accade che il costo energetico o di manutenzione della soluzione scelta, superi il beneficio della riduzione di materia prima introdotta! Considerando che l’obiettivo primario è rendere economicamente al massimo il proprio impianto, ogni soluzione può essere personalizzata in base alla tipologia di impianto esistente. “La soluzione impiantistica può risiedere ad esempio nella modifica del sistema di caricamento e pretrattamento oppure nell’inserimento di una soluzione di repowering” commenta l’Ing. Ivana Moscato Service Commercial Manager di Austep “in altri casi la migliore efficienza è ottenibile con il  cambio di regime da mesofilo a termofilo o con la modifica alle logiche di funzionamento.  E’ questa la fase dove le competenze di Austep intervengono per selezionare la soluzione più efficace in termini di costi/benefici”.

Perché non pensare già al futuro ?
L’orizzonte temporale dell’incentivo è di 15-20 anni, ma in questi anni quali sono i possibili scenari?  Il biometano è  un’opportunità nascente, ma si basa esattamente sul prodotto degli impianti: il biogas. Nulla vieta iniziare fin d’ora a ragionare sull’up-grading a biometano. Anche questa idea trova spazio nei servizi messi a disposizione da Austep, dallo studio di fattibilità alla realizzazione del vostro impianto di up-grading Bi-UP completo di  stazione di rifornimento e/o stazione di grid-injection.