Dieci-e: economicità, innovazione e sostenibilità

240

Economicità, innovazione e sostenibilità caratterizzano Dieci-e, il nuovo grande progetto lanciato da Dieci. Dieci-e vede oggi la nascita del primo sollevatore telescopico 100% elettrico, Mini Agri-e, caratterizzato da grandi prestazioni e da un’alimentazione totalmente green. Andiamo a scoprire tutto il mondo di Dieci-e e le prospettive future insieme a Davide Comastri, responsabile del progetto.

– Dieci-e è la grande rivoluzione presentata in queste settimane da Dieci. Un’importante novità che propone telescopici ibridi e, per la prima volta, 100% elettrici. Come nasce questo importante progetto?

“L’idea di focalizzarci, con un progetto di ampio spettro, sul mondo dell’elettrificazione viene principalmente dall’interpretazione dei trend di mercato, che oggi richiedono prodotti elettrificati, senza limitazioni nelle prestazioni. La fase di ricerca e sviluppo si è sviluppata in diverse aree di competenza, mantenendo però sempre il focus sul settore agricolo e su quello industriale. L’obiettivo è stato quello di progettare un range di prodotti customizzati e adeguati a ogni tipo di esigenza”.

– La novità più importante è indubbiamente il telescopico Full Electric Mini Agri-e. Quali features tecniche lo contraddistinguono?

“Le caratteristiche tecniche principali che contraddistinguono il telescopico full electric Mini Agri-e sono le prestazioni elevate e il concetto modulare. Si tratta di features specifiche pensate per rispondere alle esigenze di diversi clienti e mercati, riducendo al minimo i compromessi. La piattaforma base è un telescopico con prestazioni elevate configurabile in modo semplice, per soddisfare le esigenze operative dei singoli clienti. Ma non solo, la struttura di Mini Agri-e permette anche una customizzazione post-vendita, che si contraddistingue rispetto a prodotti simili già presenti sul mercato. Mini Agri-e nasce da uno sguardo concreto sulle esigenze dell’attuale mercato. Per questo motivo il suo lancio è accompagnato da un’importante novità, l’E-Modular Power Pack, un plug-in che rende il telescopico modulare.

L’E-Modular Power Pack è parte del concetto modulare con cui è stato sviluppato questo telescopico 100% elettrico. L’obiettivo è quello di poter rispondere a diverse esigenze grazie alla possibilità di: 1) modificare il numero batterie installate sulla macchina in modo semplice e veloce, anche nella fase post-vendita; 2) accogliere sviluppi futuri sempre in ottica green, garantendo flessibilità tra i modelli classici e quelli elettrici. Sono infatti in deposito diversi brevetti innovativi, come quello incentrato sulle batterie ad idrogeno. Il cliente è il driver di ogni idea e progetto alla base di Dieci-e. Tutte le implementazioni che rendono questi sollevatori telescopici customizzabili e flessibili sono state fatte per rispondere alle possibili necessità, permettendo agli utenti di accedere alla soluzione elettrica più performante in base alle esigenze, a breve e a lungo termine”.

– Cosa significa proporre ai clienti telescopici elettrici che si contraddistinguono per flessibilità e customizzazione?

“Il sollevatore telescopico è di per sé una macchina estremamente flessibile, soprattutto in agricoltura. Qui, infatti, può esserne fatto un uso continuativo, saltuario o stagionale. Un telescopico classico diesel svolge tranquillamente questo lavoro adattandosi alle necessità operative del cliente. Nel caso di un sollevatore telescopico elettrico la durata della batteria gioca un ruolo fondamentale. Grazie alla flessibilità di Mini Agri-E, il cliente ha la possibilità di valutare e installare il numero di batterie di cui ha effettivamente bisogno, secondo le sue necessità operative, anche una volta in campo. In questo modo non è più l’operatore a doversi adattare al telescopico, ma viceversa. Con Mini Agri-e sarà possibile garantire:

– Estensione della durata, qualora si verificasse la necessità di svolgere mansioni operative maggiormente intense e duratore;

– Espansione del pacco batteria anche in campo, per sopperire a specifiche esigenze;

– Ottimizzazione dell’investimento, grazie alla possibilità di espandere in post-vendita, il numero di batterie;

– Possibilità di integrazione con le soluzioni attualmente in sviluppo, permettendo un ulteriore ottimizzazione e investimento a lungo termine”.

– Dal punto di vista tecnologico quali soluzioni innovative Dieci garantiscono questo cambio di approccio?

L’ innovazione parte dalla progettazione stessa del layout del veicolo, a partire dalla posizione delle componenti, passando per lo sviluppo di una piattaforma elettrica dedicata, fino ad arrivare alla scelta di componentistica adatta allo scopo. Su Mini Agri-e sono presenti soluzioni legate a tre diverse domande di brevetto riguardanti:

– la posizione e lo smontaggio rapido delle batterie;

– l’ottimizzazione del controllo idraulico della macchina per il risparmio energetico;

– il concetto modulare in sé, legato a features che verranno aggiunte in seguito. Ognuno di questi aspetti ha richiesto lo sviluppo di soluzioni dedicate per garantire al cliente un valore aggiunto”.

– Con Mini Agri-e, Dieci elettrifica uno dei modelli più apprezzati dal mercato. A quale pubblico si rivolge questo sollevatore telescopico 100% green?

“Mini Agri-e è un’ottima soluzione sia per il mercato agricolo che per quello industriale. Sicuramente i paesi nordeuropei, particolarmente attenti al tema della transizione ecologica sono un ottimo target, ma lo è anche il mercato italiano, soprattutto quello del noleggio. Il prodotto nasce con l’obiettivo di offrire una soluzione innovativa ad un’ampia fascia di clienti, cercando di ampliare il più possibile il range di lavori che si possono affrontare con questa macchina”.

– Grazie alla sua tecnologia modulare può interessare ed influenzare anche il settore del noleggio telescopico a breve e lungo termine? Se sì, in che modo?

“Mini Agri-e si inserisce perfettamente all’interno del settore del noleggio, aprendo nuovi scenari e ampliando potenzialmente il numero e la tipologia di player coinvolti. Un aspetto importante è quello legato alla ricarica delle batterie. Mini Agri-e è predisposto per essere alimentato con diverse fonti elettriche, che sia questa la classica colonnina standard, la presa casalinga o quella industriale. Il cliente potrà quindi optare per la modalità di alimentazione più adatta alle sue esigenze. Grazie alle features specifiche del telescopico elettrico Dieci, come il sistema modulare e la sostituzione facilitata delle batterie, i noleggiatori avranno l’opportunità di proporre ai propri clienti qualcosa di diverso rispetto a ciò che è già in commercio, acquisendo un importante valore aggiunto per il loro parco macchine”.

– Cosa possiamo aspettarci dal futuro di Dieci-e per i sollevatori telescopici edili e per quelli agricoli?

“Mini Agri-e è parte di un progetto più ampio. Il futuro di Dieci-e prevede infatti lo sviluppo e la messa in produzione di almeno altri due modelli elettrificati, e non bisognerà aspettare troppo. Dal mio punto di vista, la sfida più difficile sarà legata a velocità e flessibilità che un mercato in continua evoluzione richiede. L’innovazione corre molto veloce ed è fondamentale stare al passo per poter rispondere tempestivamente alle richieste del mercato. Il nostro punto di forza sono la qualità e la competenza della nostra squadra, che sono certo sarà ancora una volta il valore aggiunto per ottenere grandi risultati.