Da JCB una nuova generazione di sollevatori telescopici

0
964

La terza generazione di sollevatori telescopici agricoli JCB Loadall è stata presentata per la prima volta ad Agritechnica, insieme a nuove opzioni di controllo del livellamento del telaio e di frenata a aria del rimorchio, miglioramenti che si aggiungono a un elenco di funzionalità già completo. La capacità di sollevamento incrementata di 200 kg distingue la gamma di sollevatori telescopici JCB Loadall Serie III, che comprende il modello 538-60 con altezza massima di sollevamento di 6 m, i modelli da 7 m 532-70 e 542-70, il 536-95 con altezza massima da 9,5 m, infine il modello 560-80 per la movimentazione pesante. John Smith, JCB Agriculture Managing Director, ha commentato: “I nuovi movimentatori Loadall serie III includono una serie di significativi aggiornamenti, risultato degli ultimi sei anni di ricerca JCB all’insegna del miglioramento della tecnologia, delle prestazioni e del risparmio di carburante di nel mercato dei sollevatori telescopici.” “La nuova cabina Command Plus aggiunge spazio interno, si abbassano I livelli di rumorosità, aumenta il controllo del clima e la visibilità dell’operatore a 360°, con una maggiore capacità di sollevamento e altre nuove funzionalità”.

La gamma Loadall Serie III

Con l’aggiunta del nuovo JCB Loadall 532-60 con una capacità di sollevamento da 3,2 tonnellate a 6,0  lanciato ad Agritechnica, la gamma Loadall Serie III comprende ora sei modelli con motori JCB EcoMAX e un’ampia scelta di potenze. Ci sono le tarature da 81 kW e 93 kW (109 hp e 125 hp) per la versione da 4,4 litri, mentre l’EcoMAX da 4,8 litri eroga fino a 108 kW (145 hp) per le macchine con le specifiche più elevate, tutte configurazioni conformi alle normative sulle emissioni Euro Stage IV/US Tier 4 grazie all’iniezione catalitica selettiva (SCR) e a un catalizzatore di ossidazione diesel (DOC). Le trasmissioni abbinate a questi motori partono dal JCB Powershift manuale a quattro velocità da 33 km/h e la nuova trasmissione diretta TorqueLock4 con blocco del convertitore di coppia nella marcia più alta. La trasmissione JCB Autoshift a sei velocità fino a 40 km/h offre controllo del cambio automatico o manuale e TorqueLock a trazione diretta nelle prime due marce per un traino efficiente, mentre l’esclusivo JCB DualTech VT offre le prestazioni migliori combinando le trasmissioni idrostatica e powershift.

Controllo delle oscillazioni

Il nuovo sistema Sway Control lanciato da JCB ad Agritechnica utilizza un cilindro idraulico a doppio effetto fissato al telaio e all’assale anteriore che consente all’operatore di regolare la macchina in posizione verticale prima di sollevare il braccio su una superficie inclinata o irregolare. Sway Control è disponibile nelle versioni AGRI Plus e AGRI Super del Loadall 542-70 (da 4,2 tonnellate a 7 m) e del 536-95 high-lift (sollevamento massimo da 3,6 tonnellate, portata di 1,60 tonnellate a 9,50 m) ed è azionato in modalità elettroidraulica per lavori su terreni accidentati e terreni in pendenza.

Frenatura ad aria

Tutti i sollevatori telescopici JCB Loadall Serie III dispongono di freni idraulici a due linee per rimorchio con impianto elettrico a sette pin e presa per sistema frenante elettronico (EBS). Le opzioni, che possono dipendere dalle configurazioni locali di ogni paese, includono anche la frenata del rimorchio ad aria a doppia linea con impianto elettrico a sette pin e una presa di frenatura antibloccaggio (ABS), e una combinazione di frenata pneumatica a linea doppia e frenata idraulica a linea singola per attrezzature trainate.

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here