Consegne di latte in aumento nei Paesi UE

1550

Rispetto allo stesso mese del 2013, le consegne di latte registrate nel gennaio scorso nei Paesi della UE sono state di circa 12 milioni di tonnellate, pari a un +4,6%. Lo riporta Rinascita Agraria, il periodico della Libera Associazione Agricoltori Cremonesi. Quasi tutti i Paesi produttori hanno aumentano le consegne, con il Regno Unito che ha fatto segnare +11,4% su base annua, pari a 1,2 milioni di tonnellate, seguito dalla Polonia.  Complessivamente, nel periodo aprile 2013-gennaio 2014, le consegne  hanno toccato i 118 milioni di tonnellate, 2,3 milioni in più rispetto alla campagna precedente. Solo la Repubblica Ceca e l’Austria hanno incassato una contrazione: rispettivamente -3% e -0,10%.  Per quanto riguarda invece il latte UHT, gli analisti ritengono che nel 2019 il suo valore dovrebbe raggiungere 137,7 miliardi di dollari, una cifra più che raddoppiata rispetto al dato del 2012, quando il valore ammontava a 60,8 miliardi di dollari. Il notevole trend di crescita trova spiegazione nella forte richiesta che arriva soprattutto dalla Cina, con un conseguente interesse da parte dei players di mercato che continuano ad incrementare gli investimenti. L’urbanizzazione e il prezzo decisamente più contenuto rispetto al latte pastorizzato sono alla base dell’incremento di consumo di latte UHT previsto anche in altri Paesi dell’Asia come l’India, il Pakistan e l’Australia.