Condividere l’amore per la terra in Valle dell’Aso

0
295

A fine maggio, a Lapedona, in provincia di Fermo nelle Marche, aprirà il suo “percorso rurale di vita sostenibile”. L’ha chiamato ScHolaBnb e si presenta come un insieme di stanze e servizi per l’ospitalità, attività e laboratori per l’intrattenimento, la condivisione e la formazione. Lei è Isabella Cocci, classe 1983, una formazione da architetto e un passato (molto presente) all’Ecomuseo della Valle dell’Aso per la divulgazione di sostenibilità e cultura. “Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, di gente che sa fare il pane, di gente che ama gli alberi e riconosce il vento” riferisce citando il poeta Franco Arminio.

Così si racconta: “La nostra azienda si chiama rASOterra agriCUltura. È un esperienza di vita familiare: siamo io, mio marito Yuri e il piccolo Pietro. È nata circa 10 anni fa, ma siamo cresciuti prendendo esempio dalla natura ovvero piano piano e seguendo le nostre possibilità. Infatti siamo attivi al 100% nella nostra azienda da due anni, prima io ero impegnata nel mondo dell’architettura naturale e mio marito lavorava per un’emittente radio nazionale. Il nome della nostra azienda rASOterra nasce dal legame con il luogo, dal momento in cui ci troviamo nella Valle dell’Aso e anche dal concetto umile di partire dalla basso, ovvero a rasoterra. Siamo molto legati al nostro territorio e alle associazioni culturali che lo promuovono.”

Il loro più grande patrimonio? Non ha dubbi, e risponde: “Il suolo e la sua vita! Coltiviamo 3 ettari di ortaggi, circa 2000 mq di fragole e 3 ettari di grano da popolazione evolutiva, rispettando e seguendo il ciclo della natura con l’intento di coltivare un cibo veramente sano e capace di nutrire la persona. Applichiamo i principi dell’agricoltura organico- rigenerativa, non utilizziamo pesticidi e sostanze chimiche di sintesi, proponiamo un’agricoltura di piccola scala lontana dall’industrializzazione e dalla grande distribuzione, che si porta dietro un bagaglio pieno di consapevolezza, studio, sperimentazione ed esperienza. La nostra regina dell’orto è la cipolla rossa piatta di Pedaso, seme antico che abbiamo riportato alla luce da circa 9 anni, del quale siamo contadini custodi e presidio SlowFood. Con i nostri prodotti, serviamo cinque piccole botteghe nell’arco di circa 60 km e 50 famiglie a settimana con la consegna porta a porta o in un punto d’incontro.”

Per Isabella Cocci e la sua famiglia, l’amore per la natura non è l’unica grande passione. Hanno ben presente il concetto di ecosistema, e guardano con estremo interesse e vera propensione a ogni forma partecipata di unione con altri organismi viventi. Per un’ospitalità che è innanzitutto condivisione.

“Da tre anni – conclude Isabella Cocci di rASOterra – siamo scuola di formazione per l’agricoltura per l’associazione Wwoof, grazie alla quale abbiamo l’opportunità di ospitare tantissime persone con le quali condividiamo, esperienze di vita e lavoro in campo. Oltre all’attività agricola, da quest’anno ci dedicheremo anche all’accoglienza. Cinque anni fa abbiamo acquistato la vecchia scuola di campagna di Lapedona, l’abbiamo restaurata secondo i principi dell’architettura naturale e abbiamo ricavato 3 camere con bagno. Da quest’anno apriremo infatti ScholaBnb: il nostro Bnb che vuole offrire agli ospiti un’esperienza di vita agri-culturale sostenibile. Infatti oltre all’ospitalità abbiamo in programma di organizzare dei veri e propri laboratori del fare. Il nostro obiettivo in campo agricolo è quello di nutrire in modo sano e naturale la comunità che ci sostiene. Ci auspichiamo che nascano altre piccole realtà come la nostra nel mondo dell’agricoltura, capaci di preservare la biodiversità e la ricchezza del suolo e di generare sinergie atte alla condivisione dei saperi alla comunicazione e al benessere dell’ambiente.”

Sanzia Milesi