Challenger: come la tecnologia semplifica il lavoro

0
1060

Una delle cose che rendono Challenger famosa è l’impegno a utilizzare le tecnologie più moderne per aiutare gli agricoltori a lavorare in modo più efficiente. Diciotto anni fa, ad esempio, Challenger è stato il primo produttore a offrire il sistema di guida automatica montato in fabbrica con il modello Challenger 65D. Inoltre, sin dai primi anni Novanta, le macchine Challenger per l’applicazione di prodotti sono state in grado di offrire un’applicazione a velocità variabile. Ora i più recenti sviluppi ampliano la portata e i vantaggi della gamma di prodotti Challenger.

Il completo sistema di guida automatica assistita Auto-Guide 3000TM è disponibile su tutti i modelli della gamma Challenger in produzione nel 2014 per la regione EAME.

In linea con la strategia Fuse Technologies di AGCO, incentrata sull’integrazione e la connettività di tutte le risorse dell’azienda agricola, Challenger offre lo stesso sistema di guida assistita (totalmente integrato e collaudato) ai trattori cingolati, i RoGator e i TerraGator, assicurando comandi, interfaccia e funzionalità identiche su tutta la gamma.

La clientela potrà richiedere il supporto tecnico per l’intera flotta rivolgendosi a un unico partner ed eliminando così l’esigenza di interagire con più referenti terzi. Il sistema Auto-Guide 3000TM è inoltre interamente compatibile con le macchine Challenger esistenti e già predisposte per Auto-Guide.

Per i responsabili di parchi macchine di grandi dimensioni, ciò implica non solo un’enorme semplificazione delle attività di formazione degli operatori e di manutenzione, ma anche un notevole aumento di efficienza nell’utilizzo delle macchine. Le operazioni di semina e applicazione dei prodotti diventeranno ancora più precise e convenienti: i sistemi di guida assistita, infatti, hanno dimostrato una capacità media di ridurre i consumi di carburante fino al 12%, oltre che un abbattimento degli investimenti nelle colture e dei tempi di lavoro sul campo.

Il livello di precisione di Auto-Guide 3000TM, se utilizzato con le macchine Challenger, è compreso tra le frazioni di metro, i decimetri e i centimetri. Il controllo avviene attraverso il display del Centro di Gestione del Trattore (TMC) o l’avanzato monitor C3000, con touchscreen da 25 cm e intuitivi menu.

Il sistema di guida assistita è totalmente ottimizzato in base alle dimensioni, all’impianto idraulico e al comportamento in sterzata di ciascuna macchina, così da ottenere la risposta di guida migliore. Grazie alla perfetta integrazione, il processo di installazione di Auto-Guide 3000TM su una macchina Challenger richiede una sola operazione.

AgCommandTM tiene d’occhio il carburante

Il pacchetto di telemetria AgCommandTM aiuta i contoterzisti e gli agricoltori a gestire l’attrezzatura in modo più efficace, monitorando con precisione la posizione, le prestazioni e l’efficienza di ciascuna macchina. Diventa così possibile assegnare più rapidamente le macchine all’attività successiva, monitorare gli interventi di manutenzione necessari e studiare, nonché eliminare, eventuali inefficienze.

Il Consumo di carburante viene ora registrato nel pacchetto AgCommandTM Standard+, che offre un monitoraggio costante di macchine, costi ed efficienza 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni l’anno. Non è richiesto alcun intervento dell’operatore e il consumo di carburante viene registrato in automatico.

“Per potenziare un’azienda agricola, come prima cosa è necessario comprendere chiaramente quali sono i costi di una macchina e come vengono impiegate le sue ore di funzionamento, individuando in questo modo le aree migliorabili. AgCommandTM Standard+ offriva già agli agricoltori uno spaccato rapido e intuitivo sull’efficienza delle macchine, sulla loro posizione e sulle ore dedicate alle diverse attività nel corso della stagione. Oggi, con l’aggiunta delle informazioni relative al consumo di carburante nel pacchetto Standard+, questo strumento offre in aggiunta un monitoraggio preciso dei costi e la possibilità di operare confronti”, ha spiegato Gaston Marx, Product Support Specialist, Challenger EAME.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here