Biogas: un volano per la bioeconomia italiana

1650

L’Opinione di

Piero Gattoni, Presidente del CIB, Consorzio Italiano Biogas

La tecnologia applicata alla produzione di biogas può fare da volano alla bioeconomia italiana, affrontando contemporaneamente i problemi strutturali della crisi dell’agricoltura e del manifatturiero italiani.

Che cosa manca per esprimere il potenziale italiano? Una cultura agricola e industriale condivisa dalle classi dirigenti, un grande sforzo di ricerca industriale e alcuni provvedimenti legislativi che favoriscono la pianificazione di medio periodo nel settore della cogenerazione e della produzione di biometano. Gli impianti a biogas non riguardano solo la produzione di energia elettrica rinnovabile, ma possono essere visti come piattaforma tecnologica in grado di migliorare l’efficienza nella produzione di alimenti e foraggi e stimolare la produzione sostenibile di fertilizzanti naturali, semilavorati per l’industria chimica, energia elettrica, termica e biometano.

Nell’industria del gas non siamo secondi a nessuno. Terzi produttori di biogas al mondo, sesto mercato mondiale per il metano in autotrazione, forte avanzamento nella componentistica, nella meccanica agricola e nella chimica verde. La nostra ricerca presenta punte di eccellenza nel settore agronomico, chimico e industriale, in grado di continuare a sviluppare tecnologie che produrranno lavoro nel nostro Paese.