BASF lancia la Strategia Ettaro Giallo

0
1107

basf

La Divisione Crop protection di BASF Italia ha organizzato un interessante appuntamento tecnico dedicandolo alla coltura del melone. L’evento si è tenuto lo scorso 15 settembre, a Redondesco (MN) alla presenza di diversi tecnici di zona. La riunione ha permesso di condividere con la platea le potenzialità della strategia Ettaro Giallo. Si tratta dell’innovativo sistema di protezione basato su fungicidi BASF ad effetto AgCelence. Ettaro Giallo esalta le capacità produttive del melone, facilitando il raggiungimento di elevati standard del raccolto. Sia in termini quantitativi che qualitativi. La strategia si basa sulla combinazione di 3 soluzioni BASF. Ovvero: Enervin® Duo, Cabrio® Duo e Vivando®. Oltre a proteggere la coltura da Peronospora e Oidio, questi tre fungicidi influiscono positivamente sulla fisiologia della pianta. Infatti, le prove effettuate in diversi campi prova negli ultimi anni riflettono un aumento del +13% sulle rese, laddove sia stata applicata la strategia Ettaro Giallo. La conclusione tecnica di BASF è che, grazie ad Ettaro Giallo, da un ettaro di melone si possa arrivare ad ottenere una produzione equivalente a quella normalmente generata da un campo coltivato dell’estensione di 11.300 mq. Nella seconda parte dell’incontro di Rodondesco, tutti i presenti hanno toccato con mano ed apprezzato l’efficacia delle linee di protezione BASF, direttamente in campo. Un portafoglio prodotti innovativo e in costante evoluzione che permette di estrarre il massimo valore dal proprio raccolto. “Da oltre un secolo, BASF è sinonimo di innovazione – ha commentato Stefano Ballerini, Marketing Manager Divisione Crop Protection BASF Italia-. Oggi ne abbiamo un esempio concreto, grazie alla strategia Ettaro Giallo. Noi ci impegniamo costantemente per comprendere le esigenze del mondo produttivo in modo da proporre soluzioni e strategie orientate a produrre di più con meno. In piena coerenza con le logiche della moderna agricoltura sostenibile”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here