Assetto variabile e flottazione della testata per una trinciatura efficace

0
257

Le trinciatrici ad assetto variabile consentono la rapida ed efficace trinciatura della vegetazione presente in argini, fossati, bordi strada nonché in superfici pianeggianti. In quest’ultime la trinciatura risulta più omogenea poiché le trinciatrici lavorano in posizione retro-laterale e le ruote del trattore non calpestano la vegetazione che deve essere trinciata.

In particolare, Nobili con le TBE e TBE-S serie 102 propone trinciatrici ad assetto variabile molto robuste, dotate di braccio a parallelogramma per lo spostamento laterale e specifiche per l’impiego in grandi spazi verdi, argini, fossati e bordi stradali. Infatti, queste trinciatrici sono realizzate con componenti di alta qualità che garantiscono una lunga durata e interventi di manutenzione ridotti, anche in impieghi intensivi.

L’ampio spostamento oltre la carreggiata della trattrice operato dal braccio a parallelogramma e il grande angolo di lavoro della testata trinciante delle TBE e TBE-S serie 102 permettono di lavorare senza difficoltà su argini o fossati ed anche in verticale per la potatura delle siepi.

Il robusto rotore a 4 file di utensili delle TBE e TBE-S serie 102 è equilibrato elettronicamente negli stabilimenti Nobili, questo per assicurare la più corretta rotazione ed il minore dispendio di energia. Il rotore è dotato di utensili di taglio intercambiabili: coltelli o mazze sono fissate su perni trattati Ø 20 mm.

La camera di trinciatura è delimitata dalla doppia cofanatura in acciaio ad alta resistenza e presenta controcoltelli per una maggiore affinatura della vegetazione. Inoltre, la testata trinciante appoggia al suolo su slitte arrotondate per non lasciare solchi sulle aree verdi, tali slitte di appoggio sono costruite in acciaio Hardox.

Le trinciatrici ad assetto variabile Nobili TBE e TBE-S serie 102 possono anche essere dotate del dispositivo elettronico NMI che consente il rilevamento dei parametri di lavoro da remoto.

Infatti, il sistema NMI (Nobili Mulching Interface) attraverso il supporto di diversi sensori è in grado di rilevare le sollecitazioni agenti sull’attrezzo cui è applicato – nel caso specifico le TBE e TBE-S serie 102 – il regime di lavoro del rotore, la temperatura dell’olio della scatola di rinvio, le ore di lavoro (totali e parziali). Quindi invia le informazioni al dispositivo di controllo e tramite alert visivi e sonori limita l’impiego non corretto delle trinciatrici TBE e TBE-S serie 102 o l’insorgere di eventuali problemi.

Con la predisposizione GSM e il software Nobili, le trinciatrici TBE e TBE-S serie 102 sono controllabili in remoto ed i dati possono essere archiviati e risultano anche un valido ausilio per programmare la manutenzione. Tra l’altro, se dotate del sistema NMI le trinciatrici TBE e TBE-S serie 102 possono accedere alle agevolazioni previste da Agricoltura 4.0.

Le trinciatrici TBE e TBE-S serie 102 hanno larghezze di lavoro: 190 – 220 – 240 – 260 cm e richiedono l’impiego di trattori dalla potenza compresa nel range di 80 CV – 130 CV.

A cura di Pier Luigi Scevola