Andanatori monorotore Kuhn, sicuri anche in zone collinari

0
253

Gli andanatori Kuhn GA 3901, GA 4201 e GA 4401 hanno peso contenuto, compattezza e buona stabilità che li rendono particolarmente indicati per lavorare in zone collinari. Inoltre, hanno il grande pregio di poter essere utilizzati con trattori compatti che ne rendono l’impiego molto vantaggioso anche in termini economici.

Sviluppati per lavorare rispettivamente con larghezze di 3,90 – 4,20 – 4,40 metri, gli andanatori GA 3901, GA 4201 e GA 4401 sono particolarmente indicati nelle aziende zootecniche che desiderano aumentare la produttività beneficiando di tecnologie moderne ed affidabili.

Particolare attenzione è stata posta da Kuhn anche a facilità e comodità d’uso degli andanatori GA 3901, GA 4201 e GA 4401:  la trasmissione del rotore è stata concepita per depositare l’andana a destra, la rimozione dei bracci è facilitata, il ripiegamento della protezione è assistito da molle (o in optional da comando idraulico). Anche la regolazione in altezza è particolarmente agevole e può essere effettuata con gli andanatori a terra.

Dal punto di vista operativo, le ruote del rotore vicine alle forche e la posizione iper-tangenziale dei bracci contribuiscono ad una raccolta pulita del foraggio e alla formazione di un’andana aerata e facile da raccogliere. La testata a elevata oscillazione angolare di circa 48° impedisce lo slittamento delle ruote sul terreno, proteggendo così la cotica erbosa.

Anche la sicurezza è una connotazione importante degli andanatori GA 3901, GA 4201 e GA 4401: le ruote montate in tandem sono disponibili come optional per terreni poco livellati, è disponibile anche una ruota anteriore girevole per adattarsi ancor meglio alle irregolarità del terreno, limitando così l’incorporazione di impurità nel foraggio. Due potenti ammortizzatori con freno assicurano un eccellente riallineamento quando gli andanatori sono sollevati a fine campo, inoltre contribuiscono ad una perfetta tenuta quando si percorrono strade dissestate.

A cura di Pier Luigi Scevola