Agricoltura: una ricerca per valutare la qualità

1372

Più ricerca in agricoltura e più qualità della ricerca. Per questo l’Associazione Italiana delle Società Scientifiche Agrarie (AISSA) e la Conferenza dei Presidi di Agraria – congiuntamente ai Rappresentanti al CUN per l’Area 07 (Scienze Agrarie e Veterinarie) – hanno redatto un documento dal titolo “Ricerca: valutazione della qualità”.

“Obiettivo generale – spiega Marco Gobbetti, presidente di Aissa – è quello di promuovere azioni congiunte, anche in termini temporali, che abbiano lo scopo di migliorare la qualità della ricerca. Pur condividendo i principi generali dell’attuale processo di valutazione della qualità della ricerca nei suoi principi generali, sono posti in particolare evidenza criticità ed ipotetiche linee d’intervento”.

“È necessario continuare a puntare sulla ricerca di qualità – sottolinea Andrea Sisti, presidente CONAF -, perché abbiamo bisogno di maggiore produzione agricola coniugando tecniche produttive sostenibili con le oramai scarse risorse naturali dell’ecosistema. Purtroppo invece continua a diminuire la quota del PIL che l’Italia indirizza su ricerca e innovazione, diminuire la spesa nella ricerca significa necessariamente  mettere a rischio produzione e produttività. Ci vuole ricerca, ma di alta qualità ed il documento promosso da Aissa e Conferenza dei Presidi di Agrari sulla “ricerca: valutazione della qualità” costituisce un importante contributo qualificato e concreto nella giusta direzione della ricerca in agricoltura”.