AE4EU, progetto per la transizione verso l’agroecologia

0
547

Al via il progetto AE4EU, Agroecology for Europe, con l’obiettivo di costruire una rete europea per sistemi agroalimentari sempre più sostenibili. La nuova iniziativa mira ad affrontare sfide quali erosione e degrado del suolo, qualità dell’acqua, perdita di biodiversità, sicurezza alimentare e cambiamento climatico. Tutti fronti che vedono in prima linea l’agricoltura.

Parole d’ordine del progetto sono ricerca, innovazione, network, formazione e istruzione per consentire la transizione all’agroecologia, ossia un approccio in grado di promuovere la conversione dell’agricoltura e dei sistemi alimentari europei verso modelli di agricoltura e alimentazione compatibili con la biodiversità, a basso impatto ambientale e socialmente giusti.

In dettaglio, il progetto, grazie al suo approccio multidisciplinare e intersettoriale, consentirà di costruire una rete europea sull’agroecologia che includerà laboratori viventi, infrastrutture di ricerca e spazi di apprendimento per agricoltori, attori del mondo della ricerca e della società civile.

Partendo dalla creazione di un hub, in grado di favorire lo scambio di conoscenze fra i diversi stakeholders, verranno identificati e analizzati scenari politici, fornendo indicazioni per migliorare la capacità di adattare gli interventi politici a situazioni e contesti territoriali specifici, tenendo in considerazione gli obiettivi del Green Deal europeo, della strategia Farm to Fork e della PAC.

Il CREA, con il centro di Agricoltura e Ambiente, parteciperà alla realizzazione delle diverse azioni previste dalla definizione delle caratteristiche dei Living Labs e delle infrastrutture di ricerca per l’agroecologia e fino all’identificazione delle future necessità di ricerca per il settore. In tal senso, il CREA avrà l’opportunità di contribuire alla definizione della European Joint Partnership “Accelerating farming systems transition: agroecology living labs and research infrastructures”, il cui lancio da parte della Commissione Europea, previsto per la fine del 2022, influenzerà significativamente il prossimo programma quadro per la ricerca europea.

I Living Lab sono “ecosistemi operativi” incentrati sull’utente e innovativi, basati su un approccio creativo e partecipativo che includa utenti e attori, portatori di diverse capacità e competenze. La realizzazione di laboratori viventi, di infrastrutture di ricerca e lo sviluppo dell’agroecologia a scala territoriale sono aspetti fondamentali per consentire tale transizione. AE4EU svilupperà un quadro che mira a favorire e promuovere la nascita lo sviluppo di laboratori viventi e infrastrutture di ricerca per l’agroecologia e la diffusione dell’agroecologia a scala territoriale.

AE4EU identificherà anche possibili adeguamenti degli schemi di finanziamento a lungo termine per sostenere il rafforzamento della cooperazione e del coordinamento dei finanziatori nazionali o europei pubblici e privati ​​e svilupperà raccomandazioni per espandere e rendere complementari i processi di finanziamento per lo sviluppo dell’agroecologia.

Il progetto, della durata triennale e che ha ricevuto finanziamenti dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione europea, annovera 12 partner europei: ISARA (Francia), University of Gastronomic Sciences (Italia), Agroecology Europe (Belgio), Coventry University (Regno Unito), Thünen-Institute (Germania), Wageningen University and Research (Olanda), Agreoecologiki (Grecia), European Coordination Via Campesina (Belgio), CREA (Italia), University of Santiago de Compostela (Spagna), Eco Ruralis (Romania) e Swedish University of Agricultural Sciences (Svezia).

di Antonio Longo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here