Pac, una voce forte dal Parlamento europeo

1658

L’Opinione di

Leonardo Bolis, Presidente di Confai

 

Nella definizione di quest’ultima riforma della Pac per la prima volta il Parlamento europeo ha avuto una forte voce in capitolo e ha giocato un ruolo istituzionale importante, culminato con l’approvazione del testo della riforma nella seduta del 21 novembre tenutasi a Strasburgo.

La Confederazione degli Agromeccanici e Agricoltori italiani mantiene comunque alcune riserve su un progetto di riforma che dovrà ora passare al vaglio del prossimo Consiglio dei Ministri dell’agricoltura dell’Ue che si terrà il mese prossimo a Bruxelles.

Non dimentichiamo che la palla passerà poi al governo e alle Regioni, visto che quasi la metà del bilancio comunitario per l’agricoltura assegnato ad ogni Paese potrà essere destinata in modo diverso a seconda delle scelte che verranno effettuate a livello nazionale e regionale.

Confai monitorerĂ  in maniera costante i successivi passaggi istituzionali che avranno luogo nel nostro Paese in vista di un riconoscimento delle esigenze delle imprese agromeccaniche, con particolare riferimento alla possibilitĂ  di accesso di queste ultime alle risorse dei piani di sviluppo rurale per gli investimenti in agricoltura.