Un nuovo progetto per l’agroselvicoltura europea

L’agroselvicoltura è un tipo di pratica che volutamente integra la vegetazione boschiva (alberi e arbusti) con i seminativi o pascoli per trarre vantaggio dalle interazioni ecologiche ed economiche che ne derivano. Si tratta di un modello colturale che potrebbe acquisire rilevanza in futuro perché risponde a determinate necessità della agricoltura moderna: sinergia nello sfruttamento delle risorse, maggiore produzione su minore spazio, integrazione di sistemi e intensificazione colturale. Per approfondire la possibile rilevanza economica e la riconosciuta rilevanza ambientale di questa pratica agricole, in Italia ancora poco diffusa,  si è recentemente costituito un consorzio europeo di 13 partner che ha lanciato AFINET  – AgroForestry Innovation NETworks –  una rete tematica volta a favorire lo scambio e il trasferimento di conoscenze tra studiosi e professionisti dell’agroforesteria. Gli obiettivi di AFINET saranno, come dichiarano i partner sulla loro pagina web, diffondere i risultati della ricerca in pratica e promuovere idee innovative per affrontare le sfide e risolvere i problemi dei professionisti.

Tra le azioni promosse dal Network si annoverano:

  • la creazione di una rete interregionale europea composta da gruppi di lavoro creati in 9 regioni strategiche europee (Spagna, Regno Unito, Belgio, Portogallo, Italia, Ungheria, Polonia, Francia e Finlandia). Saranno i cosiddetti RAINs ovvero “Regional Agroforestry Innovation Networks. Le RAIN rappresentano diverse condizioni climatiche, geografiche, sociali e culturali e comprendono una rappresentanza equilibrata degli attori chiave con un tipo complementare di conoscenze: agricoltori, responsabili politici, servizi di consulenza, servizi di estensione, ecc;
  • la creazione di un serbatoio europeo di conoscenza scientifica e pratica di agroservicoltura con accesso agli utenti finali (le cosiddette “Cloud Knowledge”), in cui verranno pubblicate tutte le informazioni raccolte e i materiali creati nel progetto;

In Italia il gruppo RAIN, che vedrà la partecipazione del CNR-IBAF, si concentrerà sui sistemi agroforestali di ulivo nella zona territoriale del comune di Orvieto, in Italia centrale, a causa della rilevanza della coltivazione dell’olivo nella regione che incide profondamente sull’economia.

Maggiori informazioni sul gruppo di lavoro, iniziative e risultati si trovano QUI

La Associazione italiana di agroselvicoltura – AIAF: QUI

Articolo di Maria Luisa Doldi

 

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Agricoltura news © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2017 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano. Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151