Sempre più rinnovabili dall’agricoltura

0
79

Secondo i risultati principali dei cosiddetti indicatori di contesto della politica agricola comune (PAC) per il periodo 2014-2020, che sono stati appena aggiornati con gli ultimi dati disponibili (QUI), risulta che la produzione di energia rinnovabile in Europa derivante da agricoltura e silvicoltura in generale cresce, anche se con ritmi molto diversi da Stato membro a Stato membro. Nel 2015, la produzione europea di energia rinnovabile da agricoltura e foreste è aumentata del 3,9% rispetto al 2013. Questo aumento è dovuto principalmente ad un aumento di produzione nel settore agricolo (+15,2), mentre la produzione di energia rinnovabile dalla silvicoltura è cresciuta solo dell’1,2%. Allo stesso modo, la variazione media annua per il periodo 2010-2015 è più alta per il settore agricolo rispetto alla silvicoltura. Ciononostante, la silvicoltura rimane ancora di gran lunga il settore che produce più energia rinnovabile e l’agricoltura mantiene ancora un ruolo secondario.  Nel 2013 il contributo della silvicoltura ammontava a 91 milioni di tonnellate di petrolio equivalente o il 44,6% del totale e quello della agricoltura a 25 milioni tonnellate di petrolio equivalente o il 12,3% del totale. La produzione di energia rinnovabile differisce notevolmente tra l’UE15 e l’UE-N13 (degli ultimi 13 arrivati). L’UE15 ha prodotto l’88,3% delle energie rinnovabili derivanti dal settore agricolo dell’UE28, mentre la produzione in UE-N13 ha rappresentato solo l’11,7%. Allo stesso modo, nel settore forestale la produzione di energia rinnovabile nell’UE15 e nell’UE-N13 rappresentavano rispettivamente il 73,9% e il 26,1% della produzione totale dei 28 Stati membri insieme.

Inoltre, nell’UE-15 la quota dell’agricoltura nella produzione totale di energia rinnovabile è più elevata (12,4%) rispetto a EU-N13 (8,1%). D’altra parte, il peso della silvicoltura nella produzione totale di rinnovabili è maggiore nell’UE-N13 (69,8%) rispetto all’UE-15 (39,6%). Nel settore agricolo in particolare, la produzione di energia rinnovabile è distribuito in modo molto disuguale tra i paesi. Quasi il 70% del totale la produzione nell’UE-28 proviene da quattro paesi: Germania (42,2%), seguiti da Francia (10,9%), Italia (8,0%) e Paesi Bassi (7,9%). Gli altri Stati membri producono quantità molto minori. Osservando l’importanza del settore agricolo nella produzione del totale delle energie rinnovabili, i seguenti Stati membri assumono il comando: Paesi Bassi (37,8%), Belgio (28,2%) e Germania (26,6%).

Nel settore forestale nel 2015 vi erano tre Stati membri che contribuivano per oltre il 10% alla produzione totale di energie rinnovabili dell’UE-28: Germania (13,2%), Francia (10,6%) e Svezia (10,0%). La silvicoltura rimane la principale fonte di energia rinnovabile per molti paesi, in particolare per gli Stati baltici (oltre l’80%), l’Ungheria (77,5%), la Finlandia (76%) e Polonia (72,6%).

Per quanto riguarda l’importanza della produzione di energia rinnovabile dall’agricoltura e silvicoltura sulla produzione di energia totale, solo 11 Stati membri generano oltre il 20% della loro energia da queste fonti. Maggiori informazioni QUI

Maria Luisa Doldi

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here