Mais in Italy: più energia dal trinciato

Ottenere più energia dal trinciato è un obiettivo raggiungibile con i giusti investimenti. Lo dimostrano gli esiti positivi della sfida lanciata in occasione dell’ultima stagione, nell’ambito del progetto Mais in Italy, e orientata a raggiungere il traguardo di 5.500 m³ di metano per ettaro, ossia il 20% circa in più rispetto alla normale produzione della zona di riferimento (la provincia di Venezia). L’iniziativa nasce grazie alla partnership di tre grandi realtà leader nei rispettivi settori di attività: Cifo, azienda storica impegnata in ricerca, produzione e commercializzazione di prodotti per la nutrizione delle colture; Syngenta, multinazionale dedicata alla ricerca, produzione e commercializzazione di agrofarmaci e sementi e Plastic Puglia, impresa specializzata nella produzione di sistemi per l’irrigazione a goccia. La sperimentazione è stata condotta presso l’azienda Agricola Sant’Ilario, prestigiosa realtà del veneziano appartenente ad una importante holding, e da sempre sensibile ai temi dell’innovazione e della sostenibilità ambientale. Il segreto del successo sta nell’adottare un protocollo di produzione preciso, messo a punto meticolosamente basato sulle buone pratiche agronomiche: un’attenta preparazione del terreno, un’accurata scelta di sementi ed agrofarmaci, un programma di nutrizione assolutamente mirato e una gestione della risorsa idrica quasi “chirurgica”. In sintesi, i dati raccolti hanno confermato che avere una maggiore redditività nel settore è possibile, ma a patto che gli agricoltori adottino un approccio realmente professionale, orientato al valore, e non ai costi. L’obiettivo è stato pienamente raggiunto, passando, in una delle tesi, i 6.200 m³ di metano per ettaro, con un aumento della PLV di oltre il 25% rispetto alle normali pratiche aziendali. Il primo passo del protocollo ideato da CIFO per raggiungere i risultati di Mais in Italy è il Foxter 520. Foxter 520 è il concime fosfatico liquido a pronto effetto studiato per le primissime fasi della coltura del Mais. Fornisce Azoto e Fosforo in una forma perfettamente assimilabile, per stimolare la radicazione, la germinazione e lo sviluppo. Grazie alla specifica formulazione liquida, stabile anche in condizioni atmosferiche avverse e non caustica per il seme, può essere impiegato direttamente a contatto con il seme o con le radici. La formulazione è arricchita con zinco e manganese, specifici microelementi catalizzatori, per ottimizzare ancora di più l’effetto STARTER del prodotto e migliorare i processi di germinazione e radicazione. Una partenza perfetta e una buona radicazione sono indispensabili per ottenere risultati produttivi remunerativi.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Agricoltura news © 2018 Tutti i diritti riservati

© 2017 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano. Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151